Al cinema multiplex Augustus di Velletri con il primo mattinee per le scuole in Italia!

Al cinema multiplex Augustus di Velletri con il primo mattinee per le scuole in Italia!

Ripartenza con la presenza di 100 studenti per il film “Glassboy”

Un racconto di formazione sul desiderio di libertà, di avventura, di crescita e di amicizia

“Glassboy”, il film per ragazzi di Samuele Rossi, arriva in sala
al cinema Multiplex Augustus di Velletri con il primo evento dedicato alle scuole, in presenza di 100 studenti dell’Istituto comprensivo Clemente Cardinali, accolti dal direttore Davide Fontana e da Felice Valerio Bagnato,collaboratore della Solaria Film!

“Glassboy”, il film per ragazzi diretto dal regista Samuele Rossi, liberamente ispirato al romanzo Premio Andersen “Il Bambino di Vetro” di Fabrizio Silei, dopo un importante percorso festivaliero e il successo ottenuto con l’uscita on demand, arriva finalmente al cinema e lo fa con il primo evento in presenza dedicato alle scuole.

La proiezione, organizzata dalla famiglia Fontana che da 17 anni gestisce il Cinema Multiplex Augustus di Velletri, vedrà infatti il coinvolgimento di cento studenti dell’istituto comprensivo Clemente Cardinali e si svolgerà – rispettando tutti i protocolli di sicurezza – giovedì 13 maggio alle ore 9.

“Glassboy” diventa così il primo film per ragazzi ad essere presentato in sala per le scuole dopo la riapertura dei cinema.

Con questa iniziativa – ha spiegato il produttore Emanuele Nespeca – inauguriamo una tournée che con l’inizio del nuovo anno scolastico vuole usare anche il nostro film per riportare i ragazzi nativi digitali a riscoprire la Magia del grande Schermo, visto che saranno proprio loro i protagonisti del futuro che verrà.

Confermando così la centralità della sala cinematografica che non sarà mai secondaria, ma uscirà sempre magnificamente vincente su ogni altro tipo di visione, in linea con quanto previsto nel Piano Nazionale Cinema Per la Scuola della nuova Legge Cinema.

“Glassboy”, prodotto e distribuito da Solaria Film in collaborazione con Minerva Pictures Group, è un racconto di formazione sul desiderio di libertà, di avventura, di amicizia e di crescita. Tematiche oggi più attuali che mai. Nel cast un’inedita Loretta Goggi nei panni dell’apprensiva e dispotica nonna, Giorgia WurthMassimo De LorenzoGiorgio Colangeli, David Paryla e il giovanissimo Andrea Arru nei panni del protagonista. Al suo fianco gli Snerd, ovvero gli esordienti Rosa Barbolini (Mavi), Stefano Trapuzzano (Ciccio), Gabriel Mannozzi De Cristofaro (Domenico), Mia Pomelari (Mei Ming) e Luca Cagnetta (Gianni), a capo della banda rivale, con i bulli Emanuele De Paolis e Stefano Di Via.

SINOSSI: Pino (Andrea Arru) ha 11 anni, è un bambino come tanti ma a differenza dei suoi coetanei vive da sempre isolato da tutti. A causa di una malattia ereditaria che ne mette a rischio la vita è confinato nella sua grande villa dove vive sotto una campana di vetro, lontano dal mondo che può osservare soltanto attraverso una finestra.

Ma nonostante la sua immaginazione e il colorato luna park della sua camera Pino non può che sognare di vivere una vita come gli altri ragazzi e di entrare a far parte degli Snerd, uno sgangherato gruppo di amici unito pelle che in sella alle loro velocissime bici vede sfrecciare per le strade del paese.

Tutto cambia dopo l’inaspettato incontro con la carismatica Mavi, la leader del gruppo, che lo mette alla prova offrendogli la possibilità di far parte degli Snerd e di aiutarli a rivaleggiare con la Banda avversaria. Animato dal coraggio e da uno sfrenato desiderio di avventura e libertà, il ragazzo intraprende la strada verso l’emancipazione, mettendo alla prova le sue fragilità e le rigide regole di Nonna Helena (Loretta Goggi), intenzionata a far valere le sue convinzioni sul destino del nipote, e dei suoi genitori (Giorgia Wurth e David Paryla), iperprotettivi ed inevitabilmente assoggettati alle imposizioni della dispotica nonna. I guai non mancheranno e, aiutato dai suoi nuovi amici, Mavi, Ciccio, Mei e Domenico, dovrà decidere di ingaggiare la sua personale e fondamentale battaglia per dimostrare che anche lui merita una vita come gli altri ragazzi.


Redazione

Redazione