Anche Caparezza collabora con lo scultore Tony Cassanelli

Anche Caparezza collabora con lo scultore Tony Cassanelli

L’artista pugliese che ha ritratto la rockstar Madonna torna a far parlare di sé con una interessante collaborazione tutta made in Puglia

Il musicista molfettese Michele Salvemini, alias Caparezza, e l’artista di origini biscegliesi hanno collaborato alla realizzazione dell’Art Work dell’album Exuvia.

L’idea di mettere in contatto i due artisti è stata del sempre più poliedrico Albert D’Andrea, fotografo e direttore artistico per lo stesso album, come per molti dei progetti precedenti di Caparezza, nonché cofondatore con Tony Cassanelli e Carmine Croce dello studio per la produzione di Video Arte ‘SubVision Project’.

Nasce così tra i tre artisti, l’idea di far posare dal vivo Caparezza, per la nascita di quella che il cantante desiderava fosse la sua Exuvia, creando una nuova fusione tra Scultura e Musica.

Il termine latino Exuvia definisce l’esoscheletro che molti insetti o artropodi in generale, abbandonano in natura dopo la muta, un esempio noto a tutti è quello della cicala.

A seguito di questo studio dal vero, l’opera eseguita da Cassanelli rappresenta dunque, in una vera e propria scultura, il guscio di vuoto del cantante, che uscendo da esso, ha lasciato uno squarcio lungo tutto il dorso della sua antica pelle, ora rimasta abbandonata nel mistero della foresta. La scultura dell’artista che da anni vive e lavora tra Toscana e Portogallo, è stata eseguita con tecniche tradizionali sempre più in disuso, proprio a simboleggiare, in coerenza con il concetto di Exuvial’idea di qualcosa che si stia perdendo, una materia in abbandono a causa dell’inevitabile mutare dei tempi– come afferma egli stesso. L’Opera è modellata in creta e formata in gesso con una tecnica antica detta “a tasselli”, e successivamente patinata con la tecnica dell’Encausto, tecnica in cui la cerasi mischia al colore fondendosi sul gesso dell’opera.

– Stimo profondamente il lavoro di Michele quanto la sua persona, è un artista attento ad ogni dettaglio della sua opera, ad ogni sfumatura della sua poetica ed ancor più importante e raro, è un artista umanamente e professionalmente coerente coni contenuti della sua arte, questo fa di lui una perla rara nel panorama artistico contemporaneo. Incontrare attraverso le nostre conversazioni un’empatia sempre più reale e profonda con le sue intenzioni mi aiutò ad allinearmi al suo stesso flusso d’ispirazione ed anche a quello di Albert per quella che oggi rappresenta il vero e proprio frutto di una fusione di linguaggi artistici e percezioni esistenziali condivise.

Per questo ho firmato l’opera con i nostri tre nomi, considerandola fin da principio figlia delle nostre tre sensibilità unite – ha dichiarato Tony Cassanelli.

La soddisfazione per il risultato raggiunto si legge con chiarezza nelle parole che gli artisti sono scambiati sui rispettivi profili Instagram e che denotano un rapporto basato su una profonda stima personale e artistica.


Redazione

Redazione