Taranto – Crest in diretta il 6 maggio lettura di «Piccolo blu e piccolo» giallo di Leo Lionni

Taranto – Crest in diretta il 6 maggio lettura di «Piccolo blu e piccolo» giallo di Leo Lionni

Dal bibliobus alle ore 17 in diretta facebook le macchie di colore di Leo Lionni si abbracciano nella Giornata mondiale del Colore

«Ci crederanno ora?». In occasione della Giornata mondiale del Colore, giovedì 6 maggio, alle ore 17, dal bibliobus in sosta nei pressi dell’Ipercoop, nello spazio antistante l’ingresso del centro commerciale sulla via per Montemesola, Giovanni Guarino leggerà il libro “Piccolo blu e piccolo giallo” di Leo Lionni. Un’attività di promozione della lettura rivolta ai bambini da 5 ai 12 anni. In diretta facebook sulle pagine Crest CoopTeatrale, Biblioteca Acclavio e Basequa.

Piccolo blu e piccolo giallo adorano giocare insieme. Ma quando si abbracciano diventano verdi e i loro genitori non li riconoscono più. Come far loro capire che sono sempre gli stessi? Ancora una volta basterà un abbraccio per sciogliere i pregiudizi e comprendere quanto importante sia mescolarsi, imparare, cambiare l’uno a contatto con l’altro, per creare una nuova entità, più forte e più complessa. Da molti anni un classico della letteratura dell’infanzia che racconta la magia, indispensabile per crescere, dell’integrazione con chi è diverso da noi.

Creato con la tecnica del collage, usando delle macchie colorate disposte sulle pagine in modo da creare personaggi che si muovono ed entrano in relazione tra di loro, la genialità di questo albo illustrato, oltre al racconto universale di un’amicizia travolgente che fa vacillare i preconcetti, risiede nella modalità espressiva a cui ricorre: le immagini diventano elemento narrativo centrale, componenti essenziali per la comprensione e lo svolgimento della storia. Invece, le parole scelte dall’artista Leo Lionni (1910-1999), artista poliedrico che ha sperimentato le più diverse forme espressive, fanno da pura guida alle illustrazioni: è sufficiente leggere le immagini per entrare nel vivo della vicenda.

Uscito per la prima volta negli Stati Uniti nel 1959, “Piccolo blu e piccolo giallo” arriva in Italia nel 1967 su impulso della Emme Edizioni fondata a Milano da Rosellina Archinto Marconi (dal 1999 è pubblicato dalla casa editrice Babalibri). Nel 2001, come “miglior libro mai premiato”, riceve il premio Andersen “per aver cambiato il modo di concepire e realizzare l’albo illustrato per l’infanzia, per l’intatto fascino, per l’incanto della poesia delle sue pagine, per la straordinaria attualità del suo messaggio”. E, a oltre sessant’anni dalla prima edizione, continua a lasciare incantati ed entusiasti i piccoli lettori.

Realizzate dal Crest, le attività di promozione della lettura sono parte del progetto “Dall’Io al Noi: un equilibrio tra la cura dello spazio e delle relazioni” (meglio conosciuto sui social come Basequa, acronimo di Biblioteca Attivismo Svago Ecologia QUArtiere) promosso dalla Biblioteca comunale “Pietro Acclavio” di Taranto, con il sostegno del MiBACT. Altri partner per lo svolgimento delle variegate attività del progetto sono CSV Taranto, Kyma Mobilità, Ciurma e gruppo Plasticaqquà, con Comune di Taranto (soggetto capofila).

Leo Lionni

Nato ad Amsterdam il 5 maggio 1910 da famiglia olandese di origine sefardita, si trasferisce in Italia nel 1929 per studiare Economia all’Università di Genova, iniziando nel contempo una carriera di pittore. Nel 1935 si laurea e comincia ad interessarsi al design, ma nel 1939 deve emigrare negli Stati Uniti con la famiglia, a causa delle leggi razziali. A Philadelphia, dove risiede, si indirizza all’attività grafica e diviene art director per alcune campagne pubblicitarie e, in seguito, per l’importante rivista Fortune. Collabora con alcune delle maggiori personalità di quegli anni, come Saul Steinberg, Andy Warhol, Alexander Calder, Willem de Kooning e Fernand Léger. Nel 1960 torna in Italia dove inizia una nuova carriera come scrittore e illustratore di libri per bambini, alcuni dei quali anche trasformati in film d’animazione assieme a Giulio Gianini. Muore a Radda in Chianti l’11 ottobre 1999.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania


Redazione

Redazione