Home Cultura & Società Poesia. ‘Pane e…Quotidiano’

Poesia. ‘Pane e…Quotidiano’

Quotidiano

La Poesia è per tutti

foto di copertina  Federico Garcia Lorca

… la poesia non si mangia ma può diventare indispensabile

Rubrica culturale del Corriere di Puglia e Lucania, a cura di Maria Pia Latorre ed Ezia Di Monte

L’intento della rubrica è quello di sfatare l’idea che la poesia sia qualcosa di astruso e che possa piacere o non piacere. In realtà la poesia è nelle nostre vite più di quanto noi possiamo immaginare. Basti pensare alla commistione della poesia con le altre forme artistiche, per esempio alla musica pop, di cui essa è un riflesso.

Proporremo, ogni giorno, pochi grammi di poesia, legati ad un fatto del giorno o ad una data da ricordare sperando che, tra le mille incombenze quotidiane, ogni Lettore, possa ritagliarsi qualche minuto per stare a contatto con l’universo poetico che vibra intorno a noi.

Buona Poesia!

Maria Pia Latorre ed Ezia Di Monte

redazione@corrierepl.it

^^^

Il 4 maggio 1941, nacque a Sappiane, nella provincia di Fiume, in Croazia,  Adriano Spatola.

Nel 1961 pubblicò la sua prima raccolta di versi; l’anno successivo creò la rivista BAB ILU, che uscì con due soli numeri. Dapprima impegnato a Bologna,  presso la redazione della rivista “Il Mulino”, collaborò successivamente a “Il Verri” e a “Nuova Corrente“. La sua scrittura fu caratterizzata dalla concezione della poesia come fatto visivo, gestuale, fonetico, direttamente connesso a diverse esperienze espressive: arti visive, musica, teatro. Praticò la poesia concreta e la poesia sonora. A partire dal 1966 inizia la sua attività di traduttore dal francese. Nel 1969 pubblicò il saggio “Verso la poesia totale” (Ed. Rumma, Salerno), che si impose immediatamente all’attenzione della critica. Ripubblicato nel 1979  da Paravia, costituisce ancora oggi uno dei più interessanti testi teorici dell’area della sperimentazione poetica novecentesca. Nel 1979, con l’editore Ivano Burani fondò “Baobab”, una rivista sonora, pubblicata in audiocassetta, che recava il sottotitolo Informazioni fonetiche di poesia. Durante l’arco della sua vita, Spatola ha tenuto performance in numerosi festival internazionali di poesia sonora ed ha preso parte a rassegne di poesia visiva in ogni parte del mondo, partecipando anche alla Biennale di Venezia. Amico del cantautore Francesco Guccini,  è citato in due canzoni: una è Bologna  , dove Guccini usa il soprannome con cui è noto presso gli amici, Baudelaire.

Senza finestra

L’odore dell’odore è denso e sopportabile

vivace con tono alto e isterico dolce

negli angoli spesso acuto e penetrante

però difficile da riconoscere intatto

imbarazzante nervoso pronto per l’olfatto

per la possibile sua visualizzazione

chiuso l’inferno gli rimane la visione

il disinfettante il fermaglio per le stampe

limoni gialli cipolle carta consumata

la pioggia inesistente e affogata

compressa per ora in questi fogli piagati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui