Dormire bene migliora salute sessuale delle donne

Dormire bene migliora salute sessuale delle donne

La mezza età è collegata già a problemi di sonno e della funzione sessuale. Si stima che quasi metà delle donne di mezza età sperimenta problemi di sonno durante il passaggio alla menopausa e riferisce di soffrire di problemi sessuali durante lo stesso periodo della loro vita

sonno (afp)

Una buona notte di sonno potrebbe fare “miracoli” per la vita sessuale di una donna. Uno studio americano, pubblicato su Menopause, la rivista della North American Menopause Society (NAMS), ha mostrato che la carenza di sonno, oltre a causare vari problemi di salute, può anche provocare disfunzioni sessuali nelle donne.

Sono stati condotti diversi studi per determinare se esiste un’associazione tra il sonno e i problemi della funzione sessuale. Tuttavia, la maggior parte degli studi precedenti non ha valutato in modo coerente la disfunzione sessuale con strumenti convalidati. In questo studio che ha coinvolto più di 3.400 donne (età media, 53 anni), i ricercatori hanno valutato le potenziali associazioni tra la qualità e la durata del sonno e la funzione sessuale utilizzando strumenti convalidati dopo aver tenuto conto dei fattori che possono influenzare entrambi i risultati.

Ebbene, hanno concluso che la scarsa qualità del sonno, ma non la durata, è associata a maggiori probabilità di disfunzione sessuale femminile. Una buona qualità del sonno, al contrario, è collegata a una buona attività sessuale. Comprendere questa associazione è importante in quanto i medici cercano di identificare potenziali opzioni di trattamento per le donne affette da disturbi del sonno e sessuali.

Entrambi questi problemi comuni in mezza età sono stati determinati a influenzare negativamente la qualità della vita di una donna. “Questo studio evidenzia un’associazione tra scarsa qualità del sonno e disfunzione sessuale”, commenta Stephanie Faubion, direttrice medica della NAMS e autrice senior dello studio. “Questi sono due problemi comuni per le donne di mezza età e chiedere informazioni e affrontare ciascuno di essi può contribuire a migliorare la qualità della vita“, conclude.


Antonio Peragine

Antonio Peragine