Taranto e il turismo penalizzato dal decreto Covid 19

Taranto e il turismo penalizzato dal decreto Covid 19

Il Consigliere dell’Unione dei comuni della fascia orientale della Provincia di Taranto Angelo Di Lena interviene in merito al nuovo “decreto Covid-19” valido fino al 31 luglio e che prevede ancora tutta una serie di restrizioni, compresa quella del coprifuoco alle 22.

“Sono profondamente indignato e al contempo preoccupato per come si sta trattando il turismo”. Angelo Di Lena, Consigliere dell’Unione dei comuni della fascia orientale della Provincia di Taranto e Presidente della 4^ commissione consiliare Turismo del Comune di Pulsano interviene in merito al nuovo “decreto Covid-19” valido fino al 31 luglio e che prevede ancora tutta una serie di restrizioni, compresa quella del coprifuoco alle 22 .
“A parole tutti, nel Governo, continuano a dire che il turismo è uno dei più importanti comparti dell’economia del nostro Paese, ma nei fatti dimostra che non sa fare turismo.
Le notizie sparate in prima serata sui tg, evidenziano solo messaggi di ristrettezze e limitazioni fino al 31 luglio.
Questo sarà l’unico messaggio che rimarrà impresso nella memoria di quanti stanno decidendo dove andare in vacanza. Spagna, Grecia ed altre località internazionali, ringraziano.
Ed anche la notizia delle ultime ore sulle tre tipologie di green pass creerà ulteriore confusione tra la gente, gli stessi imprenditori e, soprattutto, ai potenziali turisti”.
Oggi più che mai abbiamo bisogno di certezze e di una corretta e precisa informazione.
Questa babele di notizie rischia di farci fare una estate peggiore di quella dello scorso anno”.


Redazione

Redazione