Home Cronaca Intervista post Covid

Intervista post Covid

di Rosanna Lovaglio

“Amici,
Finalmente dopo oltre un mese, passando da un ospedale all’altro e dopo giorni di isolamento sono tornata a casa, negativizzata, ma non ancora guarita!
Non è stato semplice…. vivere con la paura di non farcela, è come essere in mezzo ad un oceano senza un salvagente. Nei primi giorni febbre altissima, fame d’aria, saturazione bassissima, dolori su tutto il corpo, mal di testa, tosse, vomito etc… avevano preso il sopravvento.
Finalmente a casa. Giorni e giorni di sofferenza hanno segnato ancora una volta il percorso della mia esistenza;
io che sono stata sempre attenta alle restrizioni, a seguire quelli che erano i protocolli in atto, ligia a quelli che potevano essere i limiti di uscita, limitati a spese e pagamenti.
Esiste, purtroppo, gente incosciente che contagia e non parla! Gente positiva che circola e va dappertutto non curante dei danni che possono provocare a persone vulnerabili come me, con patologie serie, affetta da insufficienza renale, difese immunitarie carenti etc… sappiate che è imperdonabile ciò che mi avete causato!
I danni permanenti ai polmoni, post Covid SARS2., con diagnosi di polmonite interstiziale bilaterale.
Darete conto a Dio per questo! Il futuro mi indica terapie lunghe. Non dimenticherò mai ciò che ho vissuto per oltre un mese, passando da un ospedale all’altro!
Il Covid è entrato in casa mia e si è impossessato della mia vita: ho iniziato un percorso tortuoso intriso di ansia, di panico, di incertezze, di pianti, sconforto totale; solo chi lo ha vissuto, potrà capire!
Dopo giorni e giorni di terapie dolorose ho cominciato a vedere un piccolo spiraglio di luce in fondo al tunnel. GRAZIE, amici, ho avuto il vostro sostegno, fatto di preghiere, amore, vicinanza, incoraggiamento.<3
Ringrazio immensamente tutti… Mi avete incoraggiata, supportata, sostenuta! Non dimenticherò mai questo periodo che ha segnando duramente la mia vita.
Le cure dureranno, non so fino a quando, ma, ce la farò! Ho superato tanti ostacoli, il Buon Dio mi aiuterà a superare anche questo.
Dio benedica tutti i medici, infermieri, OSS ed operatori sanitari che vivono nelle corsie di emergenza e reparti infettivi Covid.
Siete angeli con ali invisibili, a sostegno di chi è solo in quelle stanze isolate e che oltre alla sofferenza fisica, subisce un crollo emotivo, sia a causa dei dolorosi esami e terapie, che a causa della mancanza di volti famigliari. Inimmaginabile! GRAZIE a tutti voi, amici! Grazie alle TV, giornali ed emittenti che hanno divulgato le mie interviste. Un ringraziamento SPECIALE va alla mia famiglia! <3 Incomparabili tutti! Vi amo di bene!”

Articolo precedenteBiella. 26enne si cosparge di benzina e si dà fuoco. E’ in gravi condizioni
Articolo successivoAvviso pubblico per la costituzione di un elenco comunale di esperti dei circuiti turistici regionali

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui