L’annuncio di Sileri: “Riaperture dal primo maggio ma con gradualità”

L’annuncio di Sileri: “Riaperture dal primo maggio ma con gradualità”

Il sottosegretario alla Salute ha ribadito che la data della riapertura “è guidata dalle vaccinazioni” e che per un iniziale ritorno alla normalità è necessario “agire con giudizio”.

“Abbiamo i dati in miglioramento, l’R0 è sceso a 0,92 la scorsa settimana e verosimilmente anche questa settimana continuerà a scendere ma per le riaperture bisogna procedere con giudizio, altrimenti rischiamo di aprire in anticipo e poi dovere richiudere”. Lo ha detto ad Agorà su Rai 3 il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri.

“Immagino che consolidando i dati, scendendo largamente sotto un’incidenza di 180 casi ogni 100mila abitanti, a quel punto dal 1 di maggio si potrà tornare a una colorazione più tenue delle Regioni. Riaprire i ristoranti potrebbe essere fattibile – ha osservato –  però non dal primo maggio secondo me, ma progressivamente di settimana in settimana nel mese di maggio, fino ad arrivare ai primi di giugno con una riapertura modello inglese”.

Sileri ha ribadito che la data della riapertura “è guidata dalle vaccinazioni. Le vaccinazioni procedono, e quando hai vaccinato il 75% degli over 80, il 75% tra i 70-79enni, e hai protetto tutti i fragili, trovare un anziano in terapia intensiva dovrebbe essere un evento sporadico. Ecco perché – ha concluso il sottosegretario – la campagna vaccinale doveva iniziare dagli anziani e deve continuare con gli anziani, senza nessuna deroga”.

“Non so se il governo impugnerà o no la decisione di De Luca. Spero che non ve ne sarà bisogno. È nell’interesse della regione stessa partire dagli anziani”, ha aggiunto rispondendo alla domanda se il governo intende impugnare la decisione del governatore della Campania, Vincenzo De Luca, di non rispettare il parametro delle fasce di età per la vaccinazione.

“C’è un piano nazionale che è stato condiviso dalla conferenza Stato-Regioni ed è un piano nazionale su base medica”, ha spiegato Sileri. “Se non viene applicato si rischia tra un mese di trovarsi le terapie intensive piene e non poter riaprire. Questo è il vero problema. Se proteggi gli anziani riapri”.

AGI


Redazione

Redazione