Taranto – Il PCI invita i lavoratori ad aderire allo sciopero del 14 aprile indetto da USB

Taranto – Il PCI invita i lavoratori ad aderire allo sciopero del 14 aprile indetto da USB

Riceviamo e pubblichiamo. Non si può consentire ad ArcelorI Mittal di violare la Costituzione e le regole del Diritto del Lavoro Italiano.

La Federazione Provinciale del Partito Comunista italiano sostiene che nei confronti del lavoratore licenziato per un posi sui social che pubblicizza una serie televisiva è stata violata la libertà di espressione garantita dalla Costituzione e che quindi il licenziamento erogato, non solo sia illegittimo (in quanto mancante della giusta causa, oltre che di ogni minimo presupposto giuridico di contestazione) ma sia un gesto talmente abnorme da contenere in sè una sfida preoccupante, da parte dell’Azienda, nei confronti di tutti i lavoratori, dei Sindacati, della Citta e dello Stato Italiano.

Questo è solo l’ultimo degli episodi di sfida di AM e ormai nessuno può pita permettersi di stare a guardare. Il PCI da tempo sostiene che non si può tollerare questo stato di cose e bene ha fatto l’USBE a dichiarare uno sciopero dei lavoratori AM a partire dal 14 aprile a fino a data da destinarsi.

 È necessario raffermare le regole del diritto e della democrazia. È necessario difende e il Lavoro e i lavoratori. È necessario sconfiggere l’arroganza della multinazionale.

È necessario che quel lavoratore sia reintegrato senza dover ricorrere ad un percorso giudiziario. Questo sciopero ha però anche un altro significato: comunicare al Governo Italiano che non può diventare socio di un privato che viola così palesemente le nostre norme fondamentali e le regole del diritto del lavoro. L’Italia non può essere complice di chi calpesta la sua Costituzione e quindi è necessario che il Governo si ritiri dagli accordi sottoscritti con la multinazionale indiana e nazionalizzi l’attenda e inizi finalmente il risanamento ambientale, sociale, civile e industriale dentro e fuori dalla fabbrica. Per queste motivazioni la Federazione Provinciale del Partito Comunista Italiano invita tutti i dipendenti di ArceloMittal ad aderire allo sciopero ad oltranza indetto dall’USB che partirà il 14 aprile. Il PCI inoltre è confidente che, considerato il livello della posta in poco. anche le altre forze sindacali vogliano aderire all’iniziativa, così come spera che le Istituzioni  Locali vogliano prendere una seria e ferma posizione nel premere sul Governo affinché Arcelor Mittal venga allontanata definitivamente da Taranto.

Redazione Corriere di Puglia & Lucania


Redazione

Redazione