Lettera di 24 scienziati : affermazioni errate dell’ OMS nel rapporto sulle origini del COVID-19

Lettera di 24 scienziati : affermazioni errate dell’ OMS nel rapporto sulle origini del COVID-19
Un gruppo di 24 scienziati ha scritto una lettera aperta chiedendo un’indagine completa sulle origini di COVID-19 ed include un esame approfondito della possibilità che il virus possa essere sfuggito da un laboratorio cinese.

Ventiquattro Illustri scienziati di tutto il mondo, mercoledi scorso hanno scritto una lettera aperta per chiedere un esame approfondito sulle origini della pandemia di covid-19 includendo anche la possibilità che il virus possa essere uscito da un laboratorio di Wuhan, in Cina.

Tale lettera ha messo in evidenza che il rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulle origini della pandemia conteneva 12 errori , contestazioni,  affermazioni contraddittorie e imprecise usate per minimizzare la teoria secondo la quale si  concludeva che l’ipotesi della fuga del virus dal laboratorio era estremamente improbabile.
Secondo la lettera il rapporto OMS  “Non è riuscito a raggiungere alcuni standard di base di analisi e valutazione credibili. Dopo un anno  dallo scoppio iniziale, le registrazioni critiche e i campioni biologici che potrebbero fornire informazioni essenziali sulle origini della pandemia rimangono inaccessibili. Questa trattenuta di risorse chiave che avrebbero potuto e dovuto essere messe a disposizione ha minato la credibilità del lavoro del gruppo di studio congiunto”.

Per evitare il conflitto di interessi , inoltre , gli scienziati hanno affermato che dovrebbe essere convocata una nuova indagine che spoglia la Cina e qualsiasi altro governo del potere di veto sugli scienziati selezionati per sondare le origini della pandemia.
Il governo cinese aveva i poteri di  veto sulle indagini condotte dall’OMS nel recente rapporto.
Gli scienziati hanno segnalato diversi commenti del dottor Shi Zhengli, che l’OMS ha utilizzato per minimizzare la teoria delle perdite di laboratorio come errata o contraddittoria.

La lettera  ha anche evidenziato che il rapporto dell’OMS si basava su dichiarazioni errate e contraddittorie che Shi aveva rilasciato riguardo a un database WIV, cancellato nel settembre 2019 , che conteneva almeno 16.000 campioni di virus che il Dottor Shi aveva studiato prima della pandemia.
Il rapporto dell’OMS affermava  che il database eliminato era un foglio di calcolo Excel, ma gli scienziati hanno affermato che si trattava in realtà di un database MySQL.

Il rapporto affermava anche che il database è stato messo offline dopo essere stato attaccato dagli hacker.
Gli scienziati hanno notato che Shi ha dichiarato esplicitamente che l’hack si è verificato durante la pandemia, ma gli scienziati hanno dichiarato nella loro lettera aperta che il database è stato messo offline mesi prima dell’inizio ufficiale della pandemia.

L’ OMS non ha nemmeno chiesto di rivedere il database WIV,  cancellato durante la loro indagine,  perché l’unico membro statunitense della sua delegazione, il Dr. Peter Daszak, aveva personalmente garantito .
L’inclusione di Daszak nell’indagine dell’OMS ha creato problemi alla stessa indagine  causando conflitto di interessi.
Dazsak ha lavorato a stretto contatto con il Wuhan Institute of Virology prima della pandemia e il suo gruppo senza scopo di lucro, la EcoHealth Alliance, ha utilizzato     $ 600.000 in fondi dei contribuenti al WIV per studiare i coronavirus dei pipistrelli in Cina già tempo prima dello scoppio del Covid-19.

Gli scienziati non sono i soli a richiedere una nuova indagine sulle origini della pandemia.

letterascienziati

Il 30 marzo il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus , ha affermato che la missione della sua organizzazione a Wuhan non ha indagato a sufficienza sulla teoria della fuga del virus dal laboratorio ed ha affermato che sono necessari ulteriori studi.

Silvia Pedrazzini

Redazione

Redazione