Principale Cronaca Taranto – Di Lena: ”riaperture o le imprese non ce la faranno”

Taranto – Di Lena: ”riaperture o le imprese non ce la faranno”

Riceviamo e pubblichiamo. Il consigliere dell’Unione dei comuni della fascia orientale della Provincia di Taranto Angelo Di Lena: “Politica fallimentare, occorre subito una svolta con le riaperture o le imprese non ce la faranno”

Sono tre le parole chiave della politica del consigliere dell’Unione dei comuni della fascia orientale della provincia di Taranto Angelo Di Lena:
“Sostegni-Vaccini-Riaperture” per sensibilizzare le istituzioni.
Ecco in sintesi il suo pensiero:
“la situazione è sempre più drammatica per le imprese del commercio, del turismo e dei servizi, per le piccole attività.
È necessario aiutare le imprese ad affrontare questo difficile momento caratterizzato dalle chiusure, ma soprattutto potenziare e velocizzare la campagna vaccinale.
Occorre programmare già ora un piano dettagliato per una riapertura delle attività il prima possibile.
Purtroppo tutto ciò è stato disatteso , e ad oggi si sono rivelati fallimentari sia la politica degli aiuti, sia la campagna vaccinale , e l’unica ricetta  dello Stato sembra essere quella di prolungare le chiusure. Molte le chiacchiere di ministri, commissari governatori, pochi i fatti.
C’è stata molta incompetenza, improvvisazione. Per quanto riguarda gli aiuti, i soldi del decreto sostegni non coprono le perdite di un anno e trascurano molte categorie.
Servono giusto per pagare qualche bolletta. Occorre garantire la ripresa delle attività economiche e ripartire e per questo è sempre più necessario un cambio di passo.
Le imprese hanno bisogno di liquidità subito e i loro tempi non sono quelli della politica.
I ristori devono arrivare direttamente sui conti correnti degli aventi diritto e bisogna evitare domande da presentare, portali da avviare e quindi tempi incompatibili con le esigenze delle imprese. Quanto ai vaccini, serve che siano somministrati in modo massiccio, capillare e soprattutto diretti alle categorie a rischio: solo così potremo allentare l’emergenza sugli ospedali e avviarci gradualmente alla normalità.
Se le imprese e le famiglie non vedranno una svolta immediata, tangibile e concreta l’esasperazione non potrà che crescere.
È urgente stabilire un piano di riapertura in sicurezza delle imprese ora chiuse che offra almeno qualche certezza in più”.

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.