“La corsa delle uova pasquali alla Casa Bianca”

“La corsa delle uova pasquali alla Casa Bianca”

Ing. Luciano Magaldi

Dal 1878 in poi, i Presidenti americani e le loro famiglie hanno celebrato il Lunedì di Pasqua ospitando la festa della “corsa delle uova pasquali” Si tiene annualmente sul South Lawn del giardino principale della Casa Bianca, costituendo uno dei più antichi eventi annuali della sua storia. Evolvendosi nel corso degli anni, ogni First Family ha messo il proprio timbro sul popolare evento pubblico del Lunedì dell’Angelo presso l’ Executive Mansion.

Le origini

Dal 1878 in poi, i presidenti americani e le loro famiglie hanno celebrato il lunedì di Pasqua ospitando questa festa pubblica, aperta a tutti i washingtoniani. Alcuni storici notano che la First Lady, Dolley Madison, originariamente suggerì l’idea far rincorrere le uova pasquali in pubblico, mentre altri ancora raccontano storie di feste informali alla Casa Bianca tenute dall’Amministrazione dell’allora Presidente Abraham Lincoln. Da allora mote famiglie di tutti i livelli sociali cominciarono a celebrare il Lunedì dell’Agnello sul terreno occidentale del Campidoglio presidenziale. I bambini si divertivano a far rotolare diverse uova sode, dipinte a mano con tinte sgargianti, lungo il prato terrazzato.

Tuttavia, nel 1876, la preoccupazione per la tutela dei giardini dell’ Executive Mansion portò il Congresso ad approvare leggi per limitare l’uso pubblico dei terreni del Campidoglio, proibendo di fatto qualsiasi futura rincorsa alle uova. Ma fu proprio nel 1878 che il Presidente Rutherford B. Hayes decise di aprire il South Lawn alle “rincorse di uova”, poiché in precedenza era stato riservato alle attività pasquali private della First Family. Nacque così una nuova tradizione. Nel 1974, i Nixon ospitarono gare di rincorsa alle uova, un evento che è diventato uno dei preferiti del Lunedì dell’Angelo.

(Fonte: immagine ottenuta per gentile concessione della Biblioteca del Congresso USA, pubblicata sul Frank Leslie’s Illustrated Newspaper, e dalla White House Historical Association) – In questa immagine datata 23 aprile 1887, i bambini inseguono le uova di Pasqua durante l’annuale rincorsa delle uove pasquali della Casa Bianca.

La festa delle Uova di Pasqua ai tempi del Presidente Cleveland

All’inizio, i bambini entravano alla Casa Bianca con cestini di uova sode dalle tinte brillanti. Il Lunedì di Pasqua del 1885, giovani adolescenti muniti di uova marciarono nella East Room, una delle stanze interne della Casa Bianca, sperando in un’udienza personale con il Presidente Grover Cleveland. Quando scese dal suo ufficio presidenziale per salutarli, egli rimase senza parole: questi piccoli visitatori avevano rovinato tutto il tappeto della East Room, che, come riportava allora il Washington Post, era “pieno di uova sode appena gettate a terra e gusci d’uovo rotti”. Tuttavia, quando Grover Cleveland tornò nel 1893 per un secondo mandato, non consecutivo, continuò a concedere a quei “piccoli teppisti”, fanatici di uova sode, la libertà di azione nella Casa Presidenziale e dei suoi relativi terreni.

(Fonte: immagine ottenuta per gentile concessione della Herbert E. French Collection della Biblioteca del Congresso USA e della White House Historical Association) –  Fotografia scattata il 2 aprile 1923 da Herbert E. French della National Photo Company: Warren Sonnemann, uno dei piccoli “ragazzi-teppisti” che tiene un cesto pasquale nel giardino dell Casa Bianca.

La tradizione si consolida con il Presidente Herbert Hoover

L’annuale festa con rincorsa delle Uova di Pasqua della Casa Bianca divenne una ben nota tradizione, ormai consolidata grazie all’intervento del Presidente Herbert Hoover: la First Family di allora, soprattutto nella persona del presidente Hoover, erano in prima linea già dall’aprile 1929 per osservare la loro prima celebrazione pasquale mediante l’ormai celebre rincorsa pubblica alle Uova di Pasqua.

La First Lady mise il suo zampino all’evento ordinando che parte del South Lawn fosse sede delle danze Maypole: queste danze popolari dei nativi americani, svedesi e inglesi cominciarono a svolgersi proprio in quei giardini terrazzati. Le danze furono eseguite dall’organizzazione preferita della First Lady, le cosiddette Girl Scouts, così come le Girl Reserves della Young Women’s Christian Association, assieme ai membri di quella memorabile giornata, i fornitori privati di servizi sociali Friendship House e Neighborhood House.

La First Lady, Lou Hoover, dopo aver assistito alle danze Maypole e dopo aver ascoltato le canzoni del Glee Club, notò il suo Presidente apparire anche alcune volte per godersi il tenero divertimento dei bambini. Preoccupato che alcuni  di loro non potessero avere le uova soda, il Presidente decise di offrirgli delle intere casse di uova sode dal governatore del Kansas, Clyde M. Reed, tutte rigidamente dipinte a mano per la distribuzione durante il Lunedì dell’Agnello.

La polizia della Casa Bianca stimo che ben 47.217 persone in quell’occasione riempirono il South Lawn, anche sotto il cielo grigio che ben presto diventò soleggiati. La polizia riferì che quel giorno ben 71 bambini si erano persi, ma poi si ritrovarono con i loro genitori quando la rincorsa alle uova terminò alle 18.

Successivamente, il 21 aprile 1930 la folla di 48.464 persone stabilì un record per i partecipanti alla rincorsa delle uova di Pasqua della Casa Bianca. La First Lady, Lou Hoover, decise di usare il proprio ufficio come ritrovo per i bambini smarriti che potevano essere facilmente ritrovati dai loro genitori con l’aiuto di volontari, come le girl scouts. Sfortunatamente la First Lady quel giorno fu costretta a guardare i festeggiamenti dalla finestra della sua camera da letto, poiché soffriva di un brutto raffreddore e di una schiena slogata.

Venti freddi e spruzzi di pioggia avevano mantenuto la folla fino a circa 30.847 presenti. “Oh, guarda questa brutta pioggia”, osservò la First Lady, Lou Hoover. “Avevamo sperato che ci sarebbe stato solo tanti raggi di sole.” Ma lei per tutta la mattinata gridò: “Benvenuti!” e “Felice di vedervi!” dal Portico Sud della Executive Mansion.

All’interno della Casa Bianca, i nipoti degli Hoover, Peggy Ann Hoover di 6 anni ed Herbert Pete Hoover di 3 anni avevano ospitato una festa pasquale di gelati e torte per i figli di membri del Gabinetto, dei Senatori, dei Rappresentanti e dei Capi-dipartimento esecutivi. Dopodiché andarono con la nonna a fare una uscita al South Lawn per assistere all’eccitazione della rincorsa pasquale, e anche il presidente Hoover si affacciò sul Portico Sud per augurare a tutti ogni bene.

Il bambino di dieci anni Samuel Jackson di Muskegon, Michigan, era così entusiasta di vedere il Presidente che scivolò sull’erba inzuppata e si ruppe un braccio. Fu quindi portato in ospedale, dove ricevette i fiori dagli Hoover e un invito della First Lady a visitare la Casa Bianca.

(Immagine gentilmente concessa dalla Biblioteca del Congresso USA e dalla White House Historical Association) – La folla delle celebrazioni di Pasqua che si riuniva sul South Lawn con la fontana del South Lawn e il Monumento a Washington sullo sfondo negli anni Trenta.

La celebrazione pasquale della Casa Bianca ai giorni nostri

I primi animali domestici sottoforma di conigli sono diventati un’attrazione popolare da non molto tempo durante la rincorsa alle uova pasquali, accompagnati da altri altrettanto teneri per i bambini. I partecipanti dell’evento hanno di recente incluso un’ampia varietà di amati purosangue, animali diversi come il pony giocattolo del Presidente Benjamin Harrison, il procione della First Lady Grace Coolidge e il manzo da 1.200 libbre portato dai Carter per il loro zoo apparsi sul South Lawn duranti i vari Lunedì di Pasqua. In modo appropriato, anche i conigli domestici si sono fatti spazio durante le celebrazioni che, a partire dal 1969, un membro dello staff della First Lady Pat Nixon mise su un costume bianco: nacque così la tradizione di un coniglietto pasquale ufficiale della Casa Bianca. Oggigiorno i giovani rincorritori di uova sono entusiasti di vedere questi grandi conigli che affiancano i celebri occupanti della Casa Bianca.

(Immagine gentilmente concessa dalla dalla White House Historical Association grazie al suo fotografo William Phillips) – il 10 aprile 2003 il Coniglietto pasquale salutò i bambini durante l’annuale Festa del Lunedì di Pasqua, una tradizione primaverile ormai di successo piena di bambini accompagnati dalle loro famiglie che si radunano insieme sul South Lawn.


Redazione

Redazione