Principale Politica Lombardi: ““Questa rigenerazione deve portare alla morte della dittatura dei like”

Lombardi: ““Questa rigenerazione deve portare alla morte della dittatura dei like”

Intervista alla Stampa dell’assessora Cinquestelle alla Regione Lazio. “La competenza è un valore e non può essere messa in secondo piano rispetto alla popolarità sul web”.

Questa rigenerazione deve portare alla morte della dittatura dei like e alla vittoria della competenza”. Lo sostiene Roberta Lombardi, garante a 5 Stelle, neoassessora alla Regione Lazio, in un’intervista alla Stampa nella quale riconosce all’ex premier Giuseppe Conte, ora nuova guida del Movimento, “una caratura morale e politica”, per poi aggiungere: “Conte ha chiesto di abbandonare gli equivoci, parlando della regola dell’ ‘uno vale uno’. Ricordo che anche Gianroberto Casaleggio si lamentò con me della mancanza di competenze nel Movimento e di fronte alla frase ‘uno vale uno’ mi rispose: ‘Sono stato frainteso’. Ecco, è il momento di chiarire. La competenza è un valore e non può essere messa in secondo piano rispetto alla popolarità sul web”.

E sul doppio mandato chiarisce: “Chi si è dimostrato bravo potrà continuare a fare politica in altri ruoli, da ministro, da capo di gabinetto o nel cda di qualche partecipata. Lì non ci sono limiti. Ma questa discussione è diventata stucchevole”. E a chi nel Movimento minaccia di sospendere le contribuzioni ribatte: “Chi lo farà, darà la misura del proprio valore, della propria vocazione e dell’idea che ha del servizio civile. Nessuno di loro sta facendo una vita di stenti e privazioni”.

Quindi sul correntismo: “Conte vuole evitare la patologia delle correnti, dove non si esercita il confronto tra pensieri diversi, ma si cerca di ottenere potere e perpetrare se stessi. Se poi le associazioni, come i think tank, vogliono diventare luoghi di confronto aperti alla società civile, nel solco di quell’apertura chiesta da Conte, sono benvenute. Se invece lo scopo è un altro, chiudiamole subito” perché “il nuovo Movimento non è precluso a nessuno. Ci saranno regole nuove e chi vuole rientrare dovrà adattarsi al contesto mutato. Chi ad esempio votò contro il governo Draghi non può rientrare continuando a professarsi contrario. L’atteggiamento, le parole, dovranno cambiare”, conclude Lombardi.

AGI

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.