Taranto – “Un parcheggio di interscambio su viale Unità d‘Italia” Lettera aperta

Taranto –  “Un parcheggio di interscambio su viale Unità d‘Italia” Lettera aperta

Riceviamo e pubblichiamo lettera aperta al Sindaco Melucci per proporre un parcheggio di interscambio su viale Unità d‘Italia (Arsenale Nuovo) Taranto.

Egregio Sindaco,

considerato il gran numero di automezzi in arrivo da Talsano/Lama/San Vito, Leporano, Pulsano Lizzano, Torricella ecc., si potrebbe creare un parcheggio di interscambio: in tal modo le auto private verrebbero lasciate e sarebbe incentivato l’uso dei mezzi pubblici, per raggiungere le varie zone della città.  Oltre ai bus tradizionali (sperando che siano tutti elettrici nel prossimo futuro) nella stessa area potrebbero essere parcheggiati i monopattini, le biciclette e i motorini elettrici.

La circolazione delle auto, com’è noto, rappresenta una delle principali cause di inquinamento atmosferico, provocato  dalle emissioni di gas, polveri sottili e fumi estremamente dannosi per la salute dell’uomo. Sebbene sia stata introdotta una normativa più severa, che ha permesso nel tempo di migliorare sensibilmente la qualità dell’aria rispetto agli scorsi decenni, le emissioni inquinanti pericolose continuano a essere riconducibili soprattutto ai veicoli in transito. La mia proposta è simile al parcheggio di “interscambio” di Cimino e mi permetto di suggerire l’area che fiancheggia viale Unità d’Italia, prima d’immettersi  su viale Jonio (verso il centro città), oppure su via Ancona. Presumo che si tratti di terreni demaniali, peraltro sempre incolti e d’estate puntualmente teatro di incendi. Lei che ha una visione di città ecologica, in cui circolino prevalentemente mezzi non inquinanti, prenda in considerazione questa proposta e dia ai cittadini, dopo decenni di scarsa attenzione verso queste tematiche,  la giusta attenzione, a tutela della loro salute.

Taranto 03 aprile 2021

Cav. Alfredo Luigi Conti

Presidente Movimento TARANTO, DIRITTO DI VOLARE.

COMITATO PEZZAVILLA VERDE & SPORT


Redazione

Redazione