Nato libero

Nato libero

Nato libero

Mille cammini ho nelle

gambe

Ciottoli di molte strade nelle

scarpe

Milioni di facce ho dentro

gli occhi

Chilometri di sguardi

sofferenti

Quintali di affetti ho dentro

il cuore

Amori di cui mi son

nutrito

E pugni nello stomaco

E graffi dentro l’anima

Ma non m’inginocchio

Né mi toglierò il cappello

Sono nato libero!

Soffiato alla vita dal vento

di Faugno

Pianta irrorata dall’acqua

della Boria.

Mia madre è la Fiumara

E padre m’è il Torrione

Secoli di Storia mi corron

nelle vene.

Anime di popoli diversi

mosaico e forma

danno a quella mia.

Figlio del Sud, lo sono per

davvero.

Testardo onesto e sincero

Questo è il mio mondo e ne sono

fiero.

Lotto sogno e mi arrendo

quando decido io.

mi piego e chino il capo solo

davanti a Dio


Redazione

Redazione