Decreto Draghi: un pessimo provvedimento provvisorio avente forza di legge

Decreto Draghi: un pessimo provvedimento provvisorio avente forza di legge

Il decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30, in vigore dal 15 marzo 2021, é un pessimo provvedimento. In primo luogo, non supera il sistema dei decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri pro tempore, anzi rimanda al DPCM 02 marzo 2021 per le varie misure di contenimento a seconda del colore della Regione, aggiungendo una serie di restrizioni nei giorni delle festivitá pasquali.

In secondo luogo, sia pure sotto il versante delle funzioni amministrative, l’art. 1, comma 3, attribuisce alle Regioni ed alle Province autonome di Trento e Bolzano/Bozen, la facoltá, circoscritta al verificarsi delle condizioni di cui alle lettere a) e b) (ad esempio circolazione di varianti), di adottare misure più restrittive senza specificare in quali materie (diversamente dall’art. 3, comma 1, del decreto-legge n. 19/2020 che indicava quelle di competenza regionale), ponendo le premesse per una ulteriore confusione grazie all’iperattivismo normativo dei Presidenti delle Giunte regionali, con conseguente estromissione dei Consigli, come peraltro giá avviene.

E questa sarebbe la discontinuitá? O é il pragmatismo ridotto a becero interesse di poltrona?

Matteo Impagnatiello
Daniele Trabucco

Redazione

Redazione