Il sogno di Luna Rossa continua, ora è sul 2-2

Il sogno di Luna Rossa continua, ora è sul 2-2

Nella seconda giornata di America’s Cup la barca italiana si impone nella prima regata, poi cede nettamente nella seconda.

Il sogno di Luna Rossa nella 36ma America’s Cup continua: dopo la seconda giornata la barca italiana si è portata sul 2-2 con New Zealand, con una fantastica vittoria nella terza regata a cui i kiwi hanno risposto vincendo nettamente quella successiva e riportandosi in parità. Mai una barca italiana aveva vinto due regate nel trofeo più prestigioso della vela.

La regata perfetta

In  gara-3 l’equipaggio italiano ha staccato i campioni in carica di Team New Zealand con una regata perfetta, condotta fin dall’inizio con autorevolezza e conclusa in crescendo. Favorita da un vento leggero, l’imbarcazione italiana ha mantenuto il lato sinistro del campo di regata, girando il primo gate con un vantaggio subito sensibile di dieci secondi, equivalente a oltre 140 metri. Al secondo gate il vantaggio sale a 13’’, che diventa 27’’ al terzo, 22’ al quarto, per salire al 38’’ al quinto, quando Luna Rossa mette a segno una virata morbida di alto livello, per chiudere con 37’’ di vantaggio. I Kiwi perdono fiducia in modo netto e devono chiedersi come rimediare nella prossima regata. Adesso la sfida, contro molti pronostici, vede l’Italia in vantaggio per 2-1. E’ la prima volta, nella storia della America’s Cup, che Luna Rossa è al comando.

La rivincita neozelandese

Niente da fare per Luna Rossa in gara-4: i defender di New Zealand vincono, impattando sul 2-2 nella seconda giornata di regate della 36 edizione dell’America’s Cup. Dopo il capolavoro italiano in gara-3, i Kiwi sono apparsi decisi a non perdere la terza regata consecutiva, evento che avrebbe potuto segnare la sfida. L’ingresso nello specchio d’acqua e’ stato potente, Emirates Team ha guadagnato subito il lato porto, dove non ha mai perso. Il vantaggio al primo gate e’ stato di nove secondi, per poi crescere in modo netto al secondo, con 34”, ancora 34” al terzo gate, 48” al quarto, 58” al quinto. L’impressione, a quel punto, e’ che fosse gia’ finita. A pesare sul risultato e’ stato un errore in apertura da parte di Luna Rossa, che in una delle prime strambate ha calcolato male l’angolo di uscita, rallentando in modo netto l’andatura. Di contro, i neozelandesi sono andati veloci sia sottovento sia sopravento, con un il vantaggio che ha toccato, nell’ultima tornata, gli 800 metri, sui 2500 del campo di regata. Chiusura con New Zealand vincente e un vantaggio di oltre un minuto, 63”. Nella notte tra venerdì e sabato si torna in acqua. Ma Luna Rossa in gara-3 ha dimostrato di potersela giocare.

AGI – Agenzia Italia


Redazione

Redazione