Pronti i treni sanitari per trasporto pazienti anche all’estero

Pronti i treni sanitari per trasporto pazienti anche all’estero

Tra le novità introdotte dal Governo, dopo il Generale dell’Esercito Figliuolo in veste di Commissario straordinario per l’emergenza, arrivano i convogli per il trasporto pazienti anche all’estero.

Il convoglio è stato realizzato da Trenitalia (Gruppo FS Italiane) nelle Officine Manutenzione Ciclica di Voghera in collaborazione con il Dipartimento della Protezione Civile e dell’Agenzia Regionale Emergenza Urgenza della Lombardia (AREU).
Il treno può avere la funzione di trasporto pazienti verso altre zone d’Italia o all’estero.
Il treno sanitario e il polo delle vaccinazioni  avranno come hub ferroviario  Roma Termini.
Due  progetti che vedono protagonisti  Gruppo FS Italiane, in collaborazione con Dipartimento della Protezione Civile, Regione Lazio, Croce Rossa Italiana e Agenzia Regionale Emergenza Urgenza della Lombardia (AREU).
Roma Termini è il primo hub ferroviario italiano in cui, con la collaborazione fra Regione Lazio, Croce Rossa Italiana e Gruppo FS Italiane, sarà possibile effettuare le vaccinazioni  secondo quanto previsto dal Piano Strategico Nazionale per la Vaccinazione. La struttura, allestita in un’area del Gruppo FS Italiane in piazza dei Cinquecento, è dotata di 21 postazioni vaccinali. A pieno regime sono previste 1.500 vaccinazioni al giorno.
La struttura, composta da tre tende mobili allestite sul piazzale antistante la stazione (circa 800 mq di spazio), destinate alle fasi di accettazione, vaccinazione e attesa post vaccino, è dotata di 21 postazioni vaccinali. All’esterno Croce Rossa Italiana ha previsto un presidio sanitario di emergenza con un’autoambulanza sosta fissa.

Inoltre, il Gruppo FS metterà a disposizione della Croce Rossa Italiana ulteriori spazi dove allestire tensostrutture per effettuare attività di screening alla popolazione nelle stazioni di Roma Termini, Bari, Bologna, Cagliari, Firenze Santa Maria Novella, Milano Centrale, Napoli Centrale, Palermo, Reggio Calabria, Torino Porta Nuova e Venezia Mestre.

 
Silvia Pedrazzini

Redazione

Redazione