La festa della donna, in memoria della Dirigente Adriana Ravviso

La festa della donna, in memoria della Dirigente Adriana Ravviso

La straordinaria iniziativa, targata I.P.E.O.A. ” Michele Lecce.”

Nella giornata di ieri, quale quella dell’8 marzo 2021, in cui si festeggia la ricorrenza internazionale della festa della donna, presso l’ I.P.E.O.A. “ Michele Lecce “, Istituto Alberghiero, con sede a Manfredonia e San Giovanni Rotondo, è stato ritenuto doveroso celebrare non il ricordo, ma la presenza, seppur in modalità differente, di una donna, Adriana Ravviso che, da Dirigente Scolastico, ha dato lustro, con professionalità ed umanità, non solo alla predetta Istituzione Scolastica, ma a tutte quelle nelle quali ha prestato servizio.”Una donna dalla bontà incontrovertibile e dalle doti umane e professionali eccezionali “, – ha dichiarato Luigi Talienti, Dirigente Scolastico.-”Una donna straordinaria, nel suo essere stata un punto di riferimento per i colleghi, quindi, per i docenti  e per i suoi amati alunni.

Perché, amava realmente gli alunni. E, dal momento ch’è stata l’artefice della realizzazione del laboratorio di sala e cucina, perno principale della sede della nostra scuola e dato che la comunità scolastica, nella sua interezza, ha manifestato profondo affetto nel ricordarla, nel menzionare tutto quello che ha fatto, ci sembrava giusto e decoroso omaggiare la sua memoria, quale segno tangibile dell’incondizionata stima che la comunità educante tutta, nutre nei confronti di questa donna. Io oggi ho parlato di presenza, perché le persone che hanno costituito un esempio, sono sempre presenti, perché vanno oltre il tempo ed oltre la morte. E spero che il tutto, possa costituire una strada maestra anche per il mio futuro agire.

Ho parlato di stanza accanto. C’è una meravigliosa stanza accanto, dove ci sono tutte quelle persone che hanno dato lustro al loro operato, nel loro passaggio di vita. E spero vivamente che, quella stanza accanto, sia d’esempio e sia utile ai fini dell’orientamento del nostro futuro operare. Con grande generosità, inoltre, la famiglia della Dirigente Ravviso, ha donato un giardino ed una panchina che, nel loro insieme, hanno riqualificato la nostra scuola, contribuendo ad alimentare quel processo di valorizzazione, ch’è in atto presso il nostro Istituto. Dando, così, colore ad esso ed alimentando  il dono della memoria, lungo lo straordinario percorso di vita tracciato da questa grande donna. Contestualmente, si è parlato anche del laboratorio di panificazione e pizzeria, che sarà prossimo all’inaugurazione.

Quindi, una giornata di festa, per la quale è doveroso rivolgere, da parte del sottoscritto,  un sentito ringraziamento a tutti i docenti, gli assistenti tecnici, gli assistenti amministrativi ed a tutte le autorità presenti. Un particolare ringraziamento va al signor Antonio Vigilante che rappresenta, nella nostra comunità, la tradizione della scuola, e il quale ha agito da collante con i parenti della precitata Dirigente. Ma, devo ringraziare, soprattutto, gli amati ragazzi.

Ed a tale proposito, con la compianta Ravviso, sebbene io abbia tanto da imparare da quest’ultima, ho, però, una cosa in comune: l’amare i nostri ragazzi, amarli e portarli nel cuore, perché sono loro l’obiettivo principale e l’essenza del nostro operato.”

Giulia Rita D’Onofrio


Redazione

Redazione