Home Diritti & Lavoro 8 marzo Festa internazionale della donna. Nell’Alta Murgia cresce il numero  delle...

8 marzo Festa internazionale della donna. Nell’Alta Murgia cresce il numero  delle  donne in carriera in molti settori della vita sociale

Gianni Mercadante

Ormai è  un lontano ricordo la discriminazione delle donne nella vita sociale.

Il sistema maschilistico, su cui si basava  fino agli anni ’80 del secolo scorso l’andamento familiare, fa parte di un processo archiviato dalle generazioni che si sono avvicendati negli ultimi decenni. Battaglie sindacali, rivendicazioni di donne coraggiose che hanno dato la loro vita per un sogno utopistico,  divenuto realtà nel tempo. Il risultato di oggi è che tutte le donne sono protagoniste nel processo di crescita e sviluppo socio-economico e culturale  a livello internazionale, anche se ci sono molte altre sacche da sconfiggere, dove il maschilismo è ancora imperante: immaginiamo i paesi in via di sviluppo (Sud est asiatico, India, Africa, ed altri).

Purtroppo la storia insegna che per debellare un male cronico insinuatosi nei sistemi di caste, bisogna incidere col  “bisturi”, ovvero è necessario creare dei movimenti culturali per scuotere le coscienze a cambiare passo. Non è una cosa semplice. Lo sappiamo attraverso la storia dell’industrializzazione nel nord Europa, l’Inghilterra primo paese al mondo a sfruttare la manodopera infantile; dopo aver sistemato quel processo, se ne è presentato un altro, quello dell’emancipazione della donna, da non considerare  più oggetto di desiderio, ma partner attiva in tutte le manifestazioni socio-economiche-culturali ed affettive.

La Festa della donna, appunto nasce da movimenti femministi che si crearono spontaneamente già verso la fine dell’Ottocento in paesi notevolmente più avanzati nel sistema democratico per rivendicare diritti economici, civili e politici. Si fecero notare gli Stati Uniti a seguito di una tragedia accaduta nel 1908, che ebbero come protagoniste le operaie dell’industria tessile Cotton di New York, rimaste uccise da un incendio. L’anno precedente  durante il VII Congresso della II Internazionale socialista svoltosi a Stoccarda/Germania dal 18 al 24 agosto 1907 si era discusso della questione femminile e del voto delle donne. Insomma furono gettate le prime basi, su cui le donne cominciarono ad essere protagoniste attive  del loro destino. Non più “player” passive.

Questa breve introduzione  solo per capire quanta strada hanno fatto le donne per far valere il loro ruolo nella società umana. 

Fatte queste premesse, presentiamo alcune donne in carriera che oggi nel nostro territorio si distinguono nei loro settori per talento, preparazione culturale  e amore per la loro professione, senza dimenticare il doppio ruolo di mamma.

La dott.ssa Rosanna Galantucci, Altamura, Top Manager nell’azienda di famiglia Gielle, nonché presidente dell’Associazione Una Stanza per un Sorriso, ha dichiarato:  Sono a testimoniare la numerosa presenza di donne nella nostra azienda. Sono giovani donne prossime spose, mogli, mamme; molte di loro lavorano con noi da anni. Sono convinta che per aumentare il PIL/Prodotto lordo interno del Paese, abbiamo bisogno di più donne al lavoro. Più responsabilità alle donne nelle aziende, vuol dire più profitti per lo Stato, perfino più figli.

La mia azienda occupa 70%  donne nel reparto amministrativo, compreso Gielle Lombardia e Gielle Viggiano.

www.gielle.it – impianti antincendio

www.unastanzaperunsorriso.it 

www.gielle.it

www.unastanzaperunsorriso.it

Irene Mercadante, Altamura, Export Manager (46), diploma Liceo linguistico, con conoscenza di due lingue straniere scritte e parlate (inglese e francese), stage in Inghilterra in età giovanile, dinamica, dialettica pronta, motociclista nel tempo libero in groppa ad  una Harley & Davidson americana luccicante di cromature, con esperienze nel settore trasporto e nell’arredamento; attualmente responsabile commerciale di una nota azienda di divani letto di Altamura, con il trolley sempre a portata di mano per viaggi all’estero (Francia, Inghilterra, Cecoslovacchia, Israele, Sud Africa) afferma: sono innamorata del mio lavoro, da cui traggo soddisfazioni economiche e morali. Con la mia indipendenza economica riesco a pianificare molto cose e a seguire i miei due  figli universitari (Davide a Londra corso di Fashion Marketing & Business Management ) e Gianni (corso di Ingegneria meccanica).

La Dott.sa Rosa Ninivaggi, di Altamura, laureata in Giurisprudenza alla LUM di Bari, giovane, dinamica, volitiva, con esperienza negli Stati Uniti. Collabora nelle aziende  di famiglia: Enfoservice, servizi  di manutenzione; e Boscosauro, area naturalistica in via Bari, di cui è Amministratrice, fiore all’occhiello del territorio per tempo libero e didattica per bambini, nella cui, area inaugurata alcuni anni fa, sono stati installati  circa 30 dinosauri ad altezza naturale.  Progetto di famiglia, un sogno che  accarezzava da tempo. Il prossimo obiettivo in itinere – afferma Rosa Ninivaggi –   sarà l’apertura nella stessa area di un agriturismo e di attività   “multitasking” dedicata all’inclusione sociale, cioè un occhio particolare verso quei soggetti che richiedono maggiore attenzione. 

www.boscosauro.it

www.enfoservice.it

 

Rita Evangelista di Gravina in Puglia, stilista e docente, titolare di un avviato atelier  per abiti da sposa e da cerimonia, veste da tempo donne in carriera, tra cui la nota cantante soprano Katia Ricciarelli; la top Manager Rosanna Galantucci, dive dello spettacolo e persone comuni. Nel frattempo ha lanciato la linea di profumi Elegance. Recentemente  si è affiancata, dopo aver completato gli studi presso la Scuola di Moda,  la figlia 17enne Claudia. Infatti, a breve uscirà una sua linea di alta moda. La mia soddisfazione in questo settore, ha aggiunto Rita, è di dimostrare passione e competenza nel mio lavoro. Con le mie creazioni faccio  cultura con ricadute economiche e di immagine sulla mia città.

Rossella Di Venere (35), Bari,  diploma Liceo linguistico, con conoscenze di inglese e spagnolo scritto e parlato, dipendente di Aeroporto di Puglia Bari, agente di rampa (responsabile operazioni sotto bordo) afferma: Mi piace il mio lavoro, anche se richiede diversi sacrifici nella quotidianità (turnazione delle ore lavorative, giorni festivi). Comunque non lo cambierei con nessun altro. Lavoro ormai da 10 anni all’aeroporto di Bari, dove ho iniziato dapprima come Check-in agent. Ci sono ovviamente possibilità di fare carriera. L’Azienda è stata premiata come miglior datore di lavoro avendo dimostrato molta attenzione e sensibilità verso il lavoro femminile e per il reinserimento delle lavoratrici mamme, tenuto conto che l’aeroporto ha  un elevato numero di donne nell’organico.

Sono il motore del sistema aeroportuale, attraverso cui si proietta in positivo l’immagine di Bari e di tutta la Regione Puglia. Primeggiano per  sorriso e cortesia. E’ qui che ho trovato il mio amore, capo cabina con una compagnia di volo straniera. 

La dott.ssa Marica Nacucchi,(40), di Gravina in Puglia, laureata in Giurisprudenza, sposata, residente a Matera, Città dei Sassi, bella, solare, pioniere nel nostro territorio nell’attività di investigatrice privata, (detective: per usare uno pseudonimo  ricorrente nei film americani). Titolare dell’Istituto Investigativo Nacucchi, sito in Piazza Olmi 34, Marica da sempre ha seguito il suo sogno e le sue passioni. Quello dell’investigatrice privata, dichiara:  è stato il mio primo e unico lavoro da dipendente fino all’anno scorso. Con la scelta di proseguire l’attività in autonomia, ho chiesto e ottenuto dalla Prefettura di Matera, la Licenza di Investigatore Privato.  

L’Istituto Investigativo Nacucchi è l’unico in provincia di Matera gestito da una donna; mi avvalgo di altre collaboratrici ed investigatrici preparate ed aggiornate professionalmente, le quali  come me credono negli stessi ideali.  La mia ambizione sarebbe quella di poter creare maggiori posti di lavoro ai giovani della mia terra. Discrezione e riservatezza per questo delicato lavoro sono le mie armi vincenti; mobile: 320/097 4187.

http://www.prefettura.it/matera/multidip/index.htm

https://www.investigazioninacucchi.com/chi-sono-investigazioni-private-marica-nacucchi/

https://www.investigazioninacucchi.com/

Tags: Alta Murgia, 8 marzo, corriere di puglia e lucania

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui