Maduro contro UE: il Venezuela non è una colonia

Maduro contro UE: il Venezuela non è una colonia

Il Presidente del Venezuela,  Nicolás Maduro , ha annunciato lunedì la sua decisione di  espellere dal Paese l’ambasciatore dell’Unione Europea  Isabel Brilhante Pedrosa .

Il Presidente Maduro, durante una cerimonia al palazzo di Miraflores,  ha detto di aver deciso di  concedere  all’ambasciatore UE a Caracas 72 ore per lasciare il Venezuela .

Maduro ha così risposto alle sanzioni che l’UE  ha imposto a  undici funzionari venezuelani, ritenendo che abbiano violato i diritti umani e minato la democrazia  e lo Stato di diritto in un Paese impantanato in una grave crisi economica e sociale.

“Gli viene prestato un aereo per partire (…) Ordineremo le nostre cose con l’UE (…) Se non vogliono che partiamo, se non rispettano il Venezuela, vattene. integrità, come nazione, come istituzione “, ha affermato invece  il Presidente.

Le misure restrittive adottate da Bruxelles sono dirette anche a  Luis Eduardo Parra  eletto presidente “illegalmente”, secondo l’UE, dall’Assemblea Nazionale.

Anche l’ex capo di stato maggiore e attuale segretario generale del Consiglio di Difesa Nazionale, José Adelino Ornelas Ferreira è accusato di  “gravi violazioni dei diritti umani” .

Con l’ultima decisione delle istituzioni europee, 36 persone sono soggette a sanzioni che implicano anche  il divieto di viaggio nell’UE ed il congelamento dei loro beni.
Maduro ha considerato  che le nuove sanzioni rivelano  la “posizione arrogante” del gruppo europeo , ed ha accusato l’ UE di agire con “supremazia” e “razzismo” e di essere sottomessa al potere del Presidente degli Stati Uniti.

Poco dopo aver appreso delle sanzioni, il Governo venezuelano ha già rilasciato una dichiarazione in cui le respinge, considerandole come  una “aggressione continua e piena di  interferenze” da parte dell’UE  assicurando  inoltre che non accetterà “minacce da nessun potere o gruppi di paesi uniti  con reminiscenze imperiali “.

La portavoce per gli affari esteri e la sicurezza, Virginie Battu-Henriksson, ha sottolineato che “esiste un quadro giuridico per rispondere alla decisione  di Maduro “.  Tuttavia la portavoce ha fatto specifico riferimento alla Convenzione di Vienna, il cui articolo 9 offre la possibilità di dichiarare “persona non grata” il capo o altro membro del personale diplomatico di una missione.

Virginie Battu-Henriksson ha anche affermato che “L’UE non può esercitare la reciprocità a livello di espulsione di un ambasciatore perché questa sarebbe di competenza del Belgio, che è lo Stato che ospita le istituzioni europee”. Una decisione come questa  dovrebbe  essere presa per consenso dai 27 Stati membri dell’UE.

Silvia Pedrazzini

Tags: Venezuela, Maduro, Unione Europea

Redazione

Redazione