L’Italia sta morendo di problemi o soluzioni?

Diritti & Lavoro

Ciò che va curato oggi è l’insieme delle soluzioni fasulle che stanno per portare l’Italia al collasso sanitario, economico, politico e Dio non voglia alla guerra civile.

In Italia temiamo di essere sepolti vivi dai problemi; ma quelli che consideriamo tali,  in realtà sono la somma algebrica fra il problema originario grande quanto una capocchia di spillo, e la soluzione “mirata” che invece di risolverlo lo ha trasformato in catastrofe planetaria.

Cioè ai danni propri del problema, si sono aggiunti quelli indotti da soluzioni erroneamente ritenute capaci di sopprimere il problema. Ma di fatto lo hanno incancrenito e ingigantito sopprimendo gli umani, collassando il sistema socio-economico o devastando l’ambiente. Vedi covid-19 + lockdown.

Quando l’uomo di scienza Inventa una soluzione efficace non sta risolvendo un problema ma sta migliorando la soluzione precedente che è stupido continuare a chiamare problema.
Nelle case avevamo come soluzione al fuoco, il camino a legna, poi arrivò la cucina gas, poi elettrica, poi ad induzione e successivamente il forno a microonde ha reso ancora più sicura, efficace e conveniente la soluzione del fuoco in casa.

Perciò Incominciamo a convincerci che i problemi non esistono più da svariati millenni. Esistono solo miliardi di soluzioni non andate a buon fine con tutto il carico di devastazione sociale economico e ambientale indotto.

In Italia non siamo più afflitti dal problema istruzione, informazione, sanità, trasporti, previdenza, pubblica amministrazione, politica corrotta, Giustizia a babbo morto, ma da altrettante soluzioni reciprocamente conflittuali che non hanno mai assicurato decente funzionalità alla casa comune democratica chiamata Stato.

La scuola si è sempre limitata a riempire cervelli invece di formare cittadini onesti e responsabili.

Altrettanto fa la sanità curando la malattia non l’uomo in tutte le sue molteplici necessità. Come dire che le istituzioni si pongono il problema di rendere accettabile il proprio “disservizio”, non di tenere lo Stato in buona salute perché possa garantire alla collettività una vita a misura di uomo onesto, intelligente e responsabile, prima che di quella specie si estingua la razza.

Quindi oggi chi crede di dover curare il problema pandemia non ha capito una mazza. Alla pandemia sanitaria curata da apprendisti stregoni, in pochi mesi si è aggiunta quella socio-economica e di conseguenza anche quella politica.

Ciò che va curato oggi è l’insieme delle soluzioni fasulle che stanno per portare l’Italia al collasso sanitario, economico, politico e Dio non voglia alla guerra civile.

Limitare i danni da pandemia con il lockdown che per un anno ha paralizzato la produttività di un intero Popolo, è stato intelligente come spegnere l’incendio con la benzina. Ha obbligato a letto l’intera famiglia perché il nonno aveva una linea di febbre. Ma il nonno è morto e la famiglia è alla fame.

La soluzione cervellotica del problema pandemia, ha distrutto l’economia e moltiplicato affamati, disoccupati e falliti.

Manca solo la calata di avvoltoi pubblici e privati che aspettano di banchettare.

Franco Luceri