Galiano: “Non dite che noi insegnanti con la Dad abbiamo perso tempo

Galiano: “Non dite che noi insegnanti con la Dad abbiamo perso tempo

di Enrico Galiano

“Abbiamo perso fiducia nei mezzi che abbiamo. Poi l’abbiamo riacquisita. Poi ripersa. E così via, su e giù, più o meno ogni giorno da un annetto a questa parte. (…) Ma tempo, no, non lo abbiamo ‘perso’. Non è mettere i puntini sulle i o lamentarsi per niente: è che ci teniamo alle parole” – La riflessione di Enrico Galiano, dopo i tanti mesi di (discussa) didattica a distanza, e mentre prosegue il dibattito sul futuro della scuola, legato all’arrivo di un nuovo ministro dell’Istruzione”.

Non dite che abbiamo perso tempo. Non abbiamo perso tempo.

Abbiamo perso giga dal telefono, a nostre spese. Abbiamo perso forze, energie, ore di sonno. Abbiamo perso colore, assumendo pallori transilvanici e occhiaie nosferatiche.

Abbiamo perso studenti, perché quando abbiamo dovuto chiudere tutto e rifugiarci nelle piattaforme online per proseguire le lezioni, abbiamo scoperto improvvisamente che almeno uno studente su dieci non aveva i mezzi per farlo.

Abbiamo perso diottrie, stando intere dozzine di ore davanti allo schermo di un pc cercando a volte di interpretare geroglifici scritti a mano e mandati con foto via mail.

Abbiamo perso ore da trascorrere con le nostre famiglie perché, come tutti, il passaggio al lavoro da remoto all’inizio si è tradotto in un aumento esponenziale del lavoro (e anche adesso è così).

Abbiamo perso fiducia nei mezzi che abbiamo. Poi l’abbiamo riacquisita. Poi ripersa. E così via, su e giù, più o meno ogni giorno da un annetto a questa parte.

Abbiamo perso la voce, a forza di alzarla per ripetere “mi sentite?”, “ci siete?”, “spengo e riaccendo e torno subito!”

Abbiamo perso, infine, anche la salute, perché in molti di noi si sono ammalati da quando sono tornati in presenza.

Ma tempo, no, non lo abbiamo “perso”.

Non è mettere i puntini sulle i o lamentarsi per niente: è che ci teniamo alle parole. Lavoriamo soprattutto con quelle, e proviamo a insegnare a rispettarle.

Quello che ci sarà da fare ci sarà da fare e, dove si potrà, lo faremo, come abbiamo sempre fatto.

Solo questo, chiediamo: per favore, non dite che abbiamo perso tempo.


Evelyn Zappimbulso

Evelyn Zappimbulso