As With Fire di Vipera ha anche un video!

Eventi, Musica & Spettacoli

Dopo l’anteprima con ID-Vice, è ora disponibile ovunque il video per As with fire, il singolo di debutto di Vipera pubblicato per Dischi Sotterranei (distr. Believe Digital). Un nuovo progetto enigmatico e decisamente atipico che si candida ad essere tra i più interessanti della scena underground italiano,  un po’ Frusciante, un po’ Battiato, un po’ in inglese, un po’ in italiano, ma la verità è che Vipera è indescrivibile.

Foto copertina  Bruno Raciti

“Innamorato, rientrerò nel giuoco,
 rischiarando col fuoco la curva delle ciglia.”
A metà tra un dialogo a due voci e una spassionata confessione di amore e insofferenza. Si cerca di comprendere la trama di una relazione che si fa teatrale per l’occasione del canto. Un fuoco comune che scioglie e ustiona, che in una semplice apnea può essere attutito, rimescolate poi le carte ricomincia il gioco. (Vipera)
 
foto copertina: Federico Rizzo

Caterina Dufi, classe 1998. Vive a Bologna, dove studia da qualche tempo. Vipera lavora costruendo un immaginario ibrido, spartito tra musica e arte visiva. L’estetica e le intenzioni del progetto riprendono musicalmente il Frusciante di Niandra La Des, le sonorità di Mount Eerie, le suggestioni del misto inglese-italiano care a Flavio Giurato, le visioni aride del litorale adriatico di Umberto Palazzo, l’insaziabile sete di conoscere sè stessi, l’efferata sperimentazione del primo e ultimo Battiato.

As with fire ci avvicina all’omonimo EP d’esordio di Vipera, che rimescola queste suggestioni musicali assieme a testi che più che raccontare evocano, più che portare alla luce vogliono restituire l’esperienza di un mondo filtrato e rarefatto, lontano ma pervasivo. La scelta di fondere inglese e italiano, deriva dalla volontà di chiarificare e servire l’intento del progetto: superare l’esaltazione che la forma-canzone (specialmente italiana) ha tributato alla narrazione, al significato al “retroscena” del testo. O al vissuto dell’artista. Non è tempo per questo. I testi e i brani sono una forma di preghiera. Con questa uno cerca di salvarsi da sè stesso o dalla sua storia, come volete voi.  (foto di Federico Rizzo)