Home Politica Più che un ministero dell’equità, una commissione sulle diseguaglianze

Più che un ministero dell’equità, una commissione sulle diseguaglianze

Le povertà sono in notevole aumento, come ha rilevato oggi nel suo discorso il presidente del Consiglio Mario Draghi. Partire da qui per ricostruire l’Italia in questa fase drammatica ci sembra sensato. Anche perché numerosi studi sembrano concordare sulla correlazione fra mortalità da coronavirus e diseguaglianze sociali.

Dunque riteniamo che sia proprio questo il tema da mettere al centro dell’azione politica nazionale nei prossimi mesi. Qualcuno ha osservato, come ha fatto Italia in Comune Puglia, che nell’attuale esecutivo vi sia un deficit di Sud. Il Movimento 24 Agosto ritiene che vada colmato con l’istituzione di un ministero dell’equità. La proposta del giornalista e scrittore Pino Aprile è una bella provocazione. Ma può generare un fatto concreto se si fa un passo in più.

Quello che serve oggi è una commissione parlamentare d’inchiesta sulle diseguaglianze, sia sociali che territoriali. Di queste ultime, noi di Italia in Comune abbiamo fatto emergere uno spaccato reale attraverso l’azione giudiziaria che abbiamo portato avanti contro gli effetti distorti del federalismo fiscale, che ci ha consentito di recuperare diversi milioni di euro per i Comuni ai quali non era stato applicato in maniera equa il fondo di solidarietà comunale. Ma su questo aspetto ci sarebbe ancora molto da lavorare e da analizzare per quantificare l’entità del divario fra aree ricche e aree svantaggiate della nazione e capire come colmare il gap.

Il tema, però, non può essere scisso da quello delle accresciute diseguaglianze di reddito all’interno della nostra popolazione. L’intergruppo parlamentare Pd-5Stelle-Leu e le altre forze che si richiamano agli ideali di giustizia sociale e progressismo in Parlamento, potrebbero valutare questa proposta che arriva da un partito di amministratori che si misurano ogni giorno con le povertà e le ristrettezze economiche dei territori svantaggiati. E, a partire da essa, costruire un’agenda che trasformi l’Italia del post Covid in una nazione finalmente equa.

Italia in Comune Puglia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui