Altamura e la Murgia imbiancata a San Valentino. Macchine spargisale e spalaneve in azione con la Protezione civile

Cronaca

Giovanni Mercadante

Il bollettino metereologico diramato dalla Protezione civile già venerdì scorso è stato puntualmente azzeccato. La neve è apparsa ieri sera  ad Altamura e durante la notte la temperatura è scesa vertiginosamente. La Protezione civile, fa sapere il Commissario Angelo Tragni, ad evitare disagi nelle prime ore del mattino per la festa di San Valentino, oggi domenica 14 febbraio, si è messa in azione alle ore 04.00. Dieci unità del Comando della Polizia locale, fa eco il Comandante Ten. Col. Michele Maiullari,  sulla base del protocollo concordato preventivamente con il C.O.C./Centro operativo comunale si è mosso in tempo utile. Non ci siamo  fatti cogliere di sorpresa.

Le pattuglie dei Vigili urbani, unitamente al personale dell’azienda raccolta rifiuti Teknoservice dotato di macchine spargisale e spalaneve, hanno provveduto a spargere il sale sulle strade di maggior traffico. Fortunatamente,  a quell’ora la città era ancora deserta e questo ha facilitato il loro compito.

Commissario Angelo Tragni

La neve frattanto alle prime luci dell’alba ha raggiunto l’altezza di circa 10 centimetri, giusto in tempo per evitare disagi al traffico.

Le strade di accesso e di uscita alla città sono state tutte sgombrate dalla neve. Nel centro storico, invece, stanno operando  gli operatori ecologici della Teknoservice per agevolare i pedoni nei loro spostamenti.

Con una ordinanza dirigenziale del Comune del 13 febbraio 2021 per questa circostanza, le strade adiacenti a Via delle Cappelle, Via Rieti, Via Ricovero, ed altre sono interdette al traffico perché pericolose, tutte in discesa, caratterizzate da una elevata pendenza.

Frattanto, la Sindaca avv. Rosa Melodia, sta valutando con il C.O.C./unità di crisi locale, se chiudere le scuole per i prossimi due giorni.

Anche gli uomini della A.N.P.A.N.A./Associazione Nazionale Protezione animali e  ambiente stanno collaborando attivamente con la Protezione civile per evitare disagi sia nel centro storico che all’estramurale.