Draghi incassa il “sostegno convinto” di Confindustria

Politica regionale, nazionale e internazionale

Mario Draghi incassa il via libera delle parti sociali. “Abbiamo espresso il nostro piu’ convinto sostegno all’azione che dovra’ intraprendere – ha detto il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, al termine dell’incontro – perche’ c’e’ davvero molto da fare, e bisogna farlo presto e bene”. Giudizio positivo dei sindacati, che hanno chiesto al premier incaricato di prorogare il blocco dei licenziamenti.

“Abbiamo espresso al presidente incaricato il nostro piu’ convinto sostegno all’azione che dovra’ intraprendere, e la viva speranza che il consenso parlamentare riservato al suo programma sia ampio e solido”, ha detto il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, dopo l’incontro. “C’e’ davvero molto da fare, e bisogna farlo presto e bene”, ha sottolineato Bonomi, spiegando che nel corso della riunione “abbiamo provveduto a informare il presidente Draghi sulle posizioni che Confindustria ha assunto nell’ultimo anno su tutti i maggiori temi che rimangono irrisolti nell’agenda del Paese: dal Piano nazionale di ripresa e resilienza al piano vaccinale, dalla riforma degli ammortizzatori sociali alla riforma della pubblica amministrazione e delle sue procedure, dalla necessita’ di una grande alleanza pubblico-privato, per moltiplicare gli investimenti e concentrarli dove piu’ servono alla ripresa del Paese, tenendo in considerazione il peso del debito emergenziale che le imprese hanno contratto”, fino “alla riforma del fisco” e “alla sostenibilita’ generale della finanza pubblica”. Poco prima di Bonomi, l’ex numero 1 dell’Eurotower ha ricevuto il presidente dell’Associazione bancaria italiana (Abi), Antonio Patuelli. “Le banche sostengono e sosterranno gli investimenti per le modernizzazioni e lo sviluppo” e “sono impegnate per il sostegno alla resistenza e alla ripresa ” anche se “ci preoccupano i rischi insieme di imprese e banche”, ha detto. “Abbiamo chiesto al presidente incaricato che non vengano interrotti anzitempo” i provvedimenti eccezionali che in questi mesi sono stati varati dalle autorita’ europee e nazionali a sostegno dell’economia produttiva, con prestiti garantiti e con moratorie, e “che abbiamo una durata piu’ lunga della pandemia”, ha voluto sottolineare Patuelli. Pronta a collaborare anche l’Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (Ania), con Maria Bianca Farina che al termine del colloquio ha dato “disponibilita’ ad essere presenti in maniera centrale in questa difficile ma storica, quantomai necessaria, operazione di rilancio che ci apprestiamo a vivere”, e’ quanto riferito dal presidente dopo le consultazioni.