Il Regno Unito non introdurrà i passaporti dei vaccini contro il Covid-19

Esteri

Il Ministro britannico per la distribuzione dei vaccini Nadhim Zahawi ha dichiarato che Il Governo del Regno Unito  non introdurrà i passaporti vaccinali  per il Covid-19,  ma le persone potranno chiedere ai loro medici la prova della vaccinazione se necessario per i viaggi internazionali.

A novembre, alcuni giorni dopo che il primo ministro Boris Johnson ha nominato Zahawi ministro incaricato del lancio del vaccino contro il Covid-19 , è stata presentata un’ idea secondo la quale  le persone  avrebbero dovuto esibire la prova della vaccinazione prima di poter entrare nei ristoranti o luoghi di divertimento.
Tale idea ha innescato un contraccolpo tra i legislatori conservatori ; la smentita da parte del Ministro del Governo Michael Gove  ha affermato di non conoscere nessuno al Governo che avesse in programma di introdurre passaporti vaccinali.
La scorsa settimana  James Cleverly ,  Ministro degli Esteri, ha affermato che i passaporti vaccinali  potrebbero essere forniti ai cittadini britannici che viaggiano all’estero.

 Zahawi ha infatti affermato che “Il governo non ha in programma di introdurre un passaporto vaccinale  perché “i vaccini non sono obbligatori in questo paese. Non è così che facciamo le cose nel Regno Unito. Li facciamo con il consenso. Non sappiamo ancora quale sia l’impatto dei vaccini sulla trasmissione e sarebbe discriminatorio ”
Il Ministro britannico ha anche affermato che le persone possono ottenere la prova della vaccinazione dai loro medici se viaggiano in paesi che richiedono tali prove.

“Certo, hai le prove che sei stato vaccinato, detenute dal tuo medico di famiglia. E se altri paesi richiedono che tu mostri la prova di tali prove, allora dipende ovviamente da quei paesi “ha detto Nadhim Zahawi .
Anche  il segretario alla sanità Matt Hancock ha negato che il governo avesse in programma di rilasciare passaporti per i vaccini.

Silvia Pedrazzini