Le percentuali

Politica regionale, nazionale e internazionale

Mentre il fronte della politica nazionale resta “possibilista”, ci sono delle realtà concrete che dovrebbero farci riflettere Nel 2020, la percentuale dei disoccupati (che non hanno mai lavorato) è stata del 19,7%, contro l’8,2% a livello UE. Eppure il Coronavirus a fatto vittime in tutti gli Stati Stellati. Ma non basta.

Per lo stesso anno, duecentocinquantamila giovani (tra i 19 e i 25 anni) hanno lasciato l’Italia per cercare altrove un’occupazione. Nello stesso periodo, è aumentata anche la percentuale (+4,7%) di chi il lavoro l’ha perduto. Nello stesso periodo, il costo della vita è salito del +1,7%. Intanto, gli aiuti economici deliberati a livello UE sono ancora da venire e da stabilire la loro distribuzione nella Penisola.

Se si andranno a rendere operative le proposte socio/economiche che siamo venuti a sapere, vivere nel Bel Paese potrebbe tornare nella media europea. Nessun incremento, invece, per i vitalizi (pensioni) nazionali. Questo 2021 potrà essere più promettente per frenare la Pandemia, ma ancora carente per tentare di risanare l’economia italiana.

Giorgio Brignola