DNA umano raccolto dalla Cina : documento esclusivo

Sport & Motori

ESCLUSIVO!

Una delle principali Agenzie di controspionaggio degli Stati Uniti afferma che  il regime cinese ha raccolto per anni grandi quantità di dati sanitari dei cittadini americani, comprese informazioni genetiche sensibili, che pongono seri rischi per la privacy e la sicurezza globale.

Il National Counter intelligence and Security Center (NCSC) in una scheda informativa pubblicata in data  1 febbraio, ha affermato che Pechino ha utilizzato mezzi illegali come l’ hacking informatico ed ha investito in società biotecnologiche americane stringendo partnership con ospedali e università per ottenere l’accesso a dati sanitari – genetici statunitensi.
Dal documento si evince che grandi quantità di informazioni genomiche possono alimentare  sviluppi nel campo  della medicina di precisione consentendo alla Cina di superare gli Stati Uniti per diventare un leader globale nel biotech. Tali dati possono anche essere utilizzati come arma per prendere di mira individui nel paese per operazioni di intelligence e militari.

Il gigante cinese della genetica BGI Group ha spinto ad utilizzare i suoi  test COVID-19 nei propri  laboratori di supporto in tutto il mondo, sollevando preoccupazioni sulla sicurezza dei dati. Già nell’estate scorsa , l’azienda aveva venduto 35 milioni di kit per test rapidi COVID-19 a 180 paesi e costruito 58 laboratori in 18 paesi.
BGI afferma di non avere accesso ai dati dei pazienti dai suoi laboratori COVID-19 o kit di test, ma l’ex direttore dell’NCSC William Evanina sostiene che i laboratori erano come cavalli di Troia: installando le sue apparecchiature di sequenziamento genico negli Stati Uniti , la società potrebbe in seguito sfruttare l’attrezzatura per estrarre le informazioni genetiche degli americani. I sequenziatori sono macchine utilizzate per decodificare e analizzare l’intero genoma di una persona.
Il documento prende anche in esame la Bank Complete Genomics, produttore di macchine sequenziali con sede in California,  gestita dallo stato per 118 milioni di dollari dal 2013.  Tre anni prima però, BGI aveva ricevuto un prestito di 1,5 miliardi di dollari dalla China Development .
Le aziende cinesi hanno anche stretto partnership con ospedali, università e istituti di ricerca statunitensi, offrendo servizi di sequenziamento genico a basso costo.
L’ agente speciale di supervisione dell’FBI Edward You,  ex biochimico, ha affermato che :” Stanno costruendo un enorme database domestico. E se ora sono in grado di integrare il database con dati provenienti da tutto il mondo si ottiene il set di dati più ampio e diversificato. E così, la bomba a orologeria è che una volta che sono in grado di ottenere una vera intelligenza artificiale, allora sono in corsa per quello che possono fare con quei dati”.
L’NCSC ha anche avvertito che il regime potrebbe combinare set di dati genomici con le informazioni personali degli americani rubate in precedenti attacchi informatici per “prendere di mira con precisione” individui in governi o società straniere per potenziali “sorveglianza, manipolazione o estorsione”.

Pedrazzini Silvia
Tags: coronavirus, covid-19, Cina, pandemia,BGI,