Replica dell’ex assessore Luisa Simone al sindaco Francesco de Ruvo

Diritti & Lavoro

Al discorso del sindaco castellanese De Ruvo, l’ex assessore Luisa Simone replica:

“Con due decreti consecutivi, a distanza di meno di 24 ore, due atti tanto gravi quanto ricchi di menzogne, il sindaco di Castellana Grotte ha ufficializzato la mia revoca da vice sindaco e assessore a urbanistica, impiantistica sportiva, mobilità e trasporti del comune di Castellana Grotte.

Ora è tempo di intervenire sulla questione e iniziare a raccontare #lecosecomestanno.

Oggi si è portato a termine quello che ritengo uno scippo, perpetrato da un gruppo di forze politiche che non ha avuto ancora il coraggio di presentarsi alla città, che non ha avuto ancora il coraggio di esporsi e di presentare le proprie ragioni. Un gruppo di forze politiche profondamente diverso da quello che Castellana ha scelto nel 2017, dai valori che avevamo individuato e sottolineato per la nascita di Centro Civico. Di scippo e di vigliaccata si tratta. Non ho timore di usare questi termini, né di sembrare rancorosa. Sono certa che capirete.

Oggi il sindaco De Ruvo ha messo la firma su un atto di scorrettezza personale e istituzionale di una gravità forse senza precedenti. Peraltro senza motivazioni, se non quelle di intrecci politici che nulla hanno a che fare con il bene della città.

Dal punto di vista personale quella firma ha cancellato l’impegno profuso, l’importanza del passo indietro fatto durante le primarie, la solidità dimostrata nella tornata elettorale del 2017, la coerenza di tre anni e mezzo di amministrazione in cui ho lavorato sempre lealmente con risultati di cui presto parleremo, perché lasciare le cose a metà non mi rende felice. Impegno e lealtà sono mancate dall’altra parte, impegno e lealtà che evidentemente sono parole sconosciute a chi ha messo quella firma.

Dal punto di vista istituzionale – ed è la cosa che mi interessa di più – la revoca cancella l’indicazione di 466 cittadini che nel 2017 mi hanno scelto come loro rappresentante fino al 2022. E ancora cancella la rappresentanza di ben due liste civiche vere, reali, nate dal basso, fatte di persone, persone che continueremo a ringraziare per il proprio sostegno, e a cui, magari, chiederemo ancora uno sforzo.

Resta, invece, a sostenere questa nuova maggioranza (che nulla ha a che fare con quanto condiviso ed esposto in campagna elettorale) il consigliere Emilio Sansonetti che a sua volta siede in Consiglio Comunale grazie alle mie dimissioni. Anche in questo caso il gioco di squadra, evidentemente, è stato disatteso senza troppa lealtà.

Il mio impegno continua. Un decreto di revoca non lo fiaccherà, sarà facilissimo perché gli stimoli e le idee non mancano. Ci sarò, da oggi anche su questa piattaforma social che come sapete non mi si addice troppo, ma che imparerò ad usare; in fondo c’è sempre da imparare.

Intanto il mio ringraziamento va a chi in queste settimane mi ha scritto chiedendomi cosa fosse successo. A loro non sono ancora riuscita a dare una risposta, ma forse presto sarà tempo di scoprirlo.

Ancora assieme.”

Giannetto Mongielli