La nostra terra non si tocca!

Cronaca

Siamo sostenitori delle fonti alternative di produzione energetica ma non a spese del territorio. Non è più tollerabile l’aggressione di impianti eolici industriali  e sterminati “parchi” di pannelli fotovoltaici al suolo che spesso è “suolo agricolo fertile, irriguo e produttivo”.  I mega impianti di pale eoliche e di pannelli fotovoltaici che da decenni devastano i terreni agricoli dell’Italia Meridionale, in particolar modo della Puglia e soprattutto della Capitanata (1700 aerogeneratori e una quantità imprecisata di parchi fotovoltaici solo nel Foggiano), devono essere fermati..  Il COMITATO CITTADINO PERMANENTE PER LA DIFESA E LA VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO di San Paolo di Civitate, ha portato le proprie istanze nelle sedi regionali opportune.

Il 25 di Gennaio il nostro Comitato ha partecipato in videoconferenza alla Quinta Commissione Regionale in audizione sul tema specifico delle fonti di energie alternative, e in quella sede ha potuto portare il proprio contributo di idee rivolte, per esempio, a progetti di Comunità Energetiche e soluzioni meno invadenti per il territorio.. Abbiamo riscontrato un’attenzione alle tematiche trasversale a tutte le forze politiche presenti. Sono state ascoltate molte Associazioni Ambientaliste Nazionali e Locali e tra queste  il nostro Comitato.
Il Presidente della Commissione Francesco Paolo Campo ha sintetizzato la necessità di una collaborazione e l’impegno di tutte le forze presenti per fermare un oltraggio al paesaggio e  mettere fine a sconsiderate aggressioni ai terreni agricoli.

Tre giorni dopo, il 28 Gennaio, una ristretta delegazione del nostro Comitato è stata ricevuta dall’Assessora all’Ambiente della Regione Puglia, Anna Grazia Maraschio, che ha mostrato  particolare sensibilità e attenzione al problema. Abbiamo avuto così modo di illustrare la nostra “Istanza”  fornendo ampi particolari sulle irregolarità rilevate nelle procedure seguite che hanno portato alla concessione di autorizzazioni uniche distorte da documentazioni  deformate.

L’Assessora ci ha anche, informati, tra la l’altro, che solo la settimana scorsa la Giunta Regionale ha detto “NO” a ben cinque richieste di nuove autorizzazioni.
Il discorso con le Istituzioni Regionali è solo all’inizio e nei prossimi mesi continuerà con proficui scambi reciproci di notizie, idee e nuove proposte.
Rinnoviamo qui l’invito alle Autorità Comunali di San Paolo di Civitate a volerci affiancare e a continuare insieme il cammino in difesa e per una diversa valorizzazione del nostro territorio. P.S. A disposizione per eventuali approfondimenti