Costante il monitoraggio sulla piaga dell’abusivismo nel Parco nazionale dell’Alta Murgia

Cronaca

Giovanni Mercadante

Strutture edili sequestrate a Quasano da Carabinieri forestali e Polizia Locale.

Continua l’attività mirata alla tutela delle bellezze naturali all’interno del Parco Nazionale dell’Alta Murgia da parte dei Carabinieri Forestali. Lo annuncia con un comunicato stampa il Ten. Col. Giuliano Palomba. Con un’operazione congiunta dei Carabinieri della Stazione “Parco” di Altamura e della Polizia Locale di Toritto, in locità Quasano agro di Toritto, sono state dapprima scoperte e, una volta accertata la loro natura abusiva, sequestrate penalmente delle strutture adibite a ricovero per cavalli, comprensive di un ampio paddock, costruite in area parco, a confine con un bosco.

Il proprietario dell’area e degli immobili adiacenti alle costruzioni abusive non è stato in grado di mostrare alla Polizia Giudiziaria operante le autorizzazioni necessarie, in quanto ne era totalmente sprovvisto.

Il responsabile, pertanto, oltre a subire il sequestro di tali strutture, dovrà ora rispondere dei reati causati dalla sua condotta discendenti dalla normativa in materia di edilizia e dai vincoli a tutela dell’area protetta.

Tag: Parco dell’Alta Murgia