Home Politica Consultazioni. Renzi dice no a Conte. Almeno non subito

Consultazioni. Renzi dice no a Conte. Almeno non subito

La telefonata tra il premier dimissionario e l’ex rottamatore aveva fatto ben sperare il Pd. “Può essere un segnale importante, la mediazione è in campo”, ma dopo le parole di Renzi, al termine del colloquio con Conte, il clima è cambiato. Così Andrea Orlando: “Per riprendere Renzi in maggioranza bisogna capire se Renzi pone un veto su Conte o no cioè se è vero quello che ha detto al Quirinale o se è vero quello che ha fatto uscire dopo sulle agenzie” sul no ad un reincarico a Conte.

Zingaretti consegna nella mani di Mattarella “la disponibilità del Pd a sostenere l’ipotesi di un reincarico al presidente Conte, che si è confermato, anche nel recente voto di fiducia in Parlamento, un punto di sintesi e di equilibrio”. Per il segretario serve un governo “che possa contare su un’ampia e solida base parlamentare, che sia nel solco della migliore tradizione europeista” e in grado di affrontare le prossime sfide che attendono il Paese: combattere la pandemia, proseguire nella campagna vaccinale, mettere in atto il NextGenerationUe e portare a casa le “riforme istituzionali che diano efficienza allo Stato”, a cominciare “da una nuova legge elettorale di stampo proporzionale”. La crisi, sottolinea, va risolta “in tempi brevi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui