I grattacieli nel 2020. Con il Covid 20% in meno. A Dubai ne sono stati ultimati 12

Esteri

Per molte persone, il 2020 sarà ricordato come l’anno in cui nulla è andato secondo i piani. Lo stesso si può dire per l’edilizia alta. Quando una pandemia globale ha preso piede nel primo trimestre, numerosi progetti in tutto il mondo, in varie fasi, si sono interrotti con l’entrata in vigore delle restrizioni all’assemblea.

Non sorprende quindi che il 2020 abbia prodotto 106 completamenti di edifici di 200 metri e più alti, un calo del 20% rispetto ai 133 del 2019 e avvicinandosi al livello visto l’ultima volta nel 2014 , quando sono stati costruiti 105 di questi edifici.

Questo è il secondo anno consecutivo in cui la cifra di completamento è diminuita. Nel 2019, le ragioni di ciò sono state varie, sebbene gli sforzi della Cina per ridurre il proprio debito, combinati con dichiarazioni di politica pubblica contro la produzione inutile di edifici eccessivamente alti, abbiano costituito un fattore forte che è persistito nel 2020.

L’edificio più alto da completare nel 2020 era la Central Park Tower a New York City, a 472 metri. Questa è la prima volta in cinque anni in cui l’edificio completato più alto non era in Cina e la prima volta dal 2014, quando è stato completato il One World Trade Center , l’edificio più alto dell’anno è stato negli Stati Uniti.

Questo è anche il primo anno dal 2014 in cui non è stato completato almeno un edificio più alto di 500 metri. Ci sono stati 106 completamenti di edifici di oltre 200 metri, con un calo del 20% rispetto al 2019. Nel 2020 la città più prolifica è stata Dubai dove sono stati ultimati 12 grattacieli.