L’Etna visto da Mondello è a prova di zoom: in un video lo spettacolo (da non perdere)

L’Etna visto da Mondello è a prova di zoom: in un video lo spettacolo (da non perdere)

Il vulcano ovviamente è sempre lì, leggermente a sud-est di Palermo, ma per essere ben visibile bisogna che siano soddisfatte due condizioni fondamentali

Che non sia una bufala è ormai assodato. Ma ogni volta che questo fenomeno si verifica è impossibile non rimanerne affascinati. Il pennacchio dell’Etna che sbuca da dietro il mare di Mondello è davvero uno spettacolo.

A riprenderlo lo scorso martedì 15 dicembre dalla spiaggia di Palermo è stato Francesco Dragotto che ha condiviso le incredibili immagini pubblicando il suo video sul gruppo Facebook “Insieme per Mondello”.

Ne aveva già parlato Andrea Di Piazza nel suo articolo su Balarm, in cui raccontava che «dopo anni di dibattiti, prove fotografiche, accuse di fotoritocchi e di consumo di sostanze stupefacenti da parte degli svariati osservatori» ormai siamo tutti d’accordo: da Palermo si vede l’Etna.

«Il vulcano ovviamente è sempre lì, leggermente a sud-est della nostra città, ma per essere ben visibile bisogna che siano soddisfatte due condizioni fondamentali.

Innanzitutto il volume di atmosfera interposto tra l’osservatore e il vulcano deve essere libero da aerosol, inquinanti, particelle sospese e deve avere una bassa umidità relativa. In poche parole ci deve essere una visibilità eccezionale, considerato che l’Etna si trova a circa 150 km di distanza in linea d’aria dal capoluogo siciliano. Secondo requisito fondamentale è che il raggio visivo tra l’osservatore e il vulcano deve essere libero da ostacoli interposti».

Proprio in questi giorni l’Etna è tornato a farsi sentire con tutta la sua potenza. L’eruzione dal cratere Sud-Est è iniziata la sera del 13 dicembre, preceduta nel tardo pomeriggio dal “classico” tremore che la precede.

Daniela Piesco

Daniela Piesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *