Home Politica Dio creò l’uomo a sua immagine e somiglianza

Dio creò l’uomo a sua immagine e somiglianza

L’opinione di Roberto Chiavarini

Dio creò l’uomo a sua immagine e somiglianza

Ultimamente, nel corso di uno spettacolo televisivo a quiz,

fu chiesto ad un concorrente: …

… L’Uomo, è il Re di quale Regno?

La risposta esatta preparata dagli Autori, fu: …

… “del Regno animale”.

In quella risposta ritenuta giusta, c’è un pensiero blasfemo che, in antitesi alla consolidata visione religiosa, converge verso una unica soluzione: “Il pensiero unico”, il loro.

Una domanda secca che pretende una risposta secca.

Perché va contro e non riconosce irrispettosamente la essenza dell’identità dell’uomo che, le scritture Sacre, indicano come la riproduzione ad “immagine e somiglianza” di una Entità superiore, ovvero, significa che nell’uomo sono

riprodotti sia l’aspetto esteriore di quella Entità, quanto la qualità e i caratteri peculiari compresi.

E che l’uomo sia ad immagine e somiglianza di Dio, lo afferma anche Gesù, quando Filippo gli chiede di mostrare loro il Padre: …

… ”Chi ha visto me, ha visto il Padre”….rispose Gesù» (Gv 14,9).

Insomma, una domanda secca che pretende una risposta secca.

Ecco come da un messaggio apparentemente senza valore, innocuo (quello somministrato dagli Autori di quel programma televisivo), sia stato escluso il trascendentale per lasciare il posto al più elementare materialismo, ovvero avvicinare l’Uomo all’animale, piuttosto che a Dio.

E, con queste modalità, si condizionano milioni di persone che, in quel momento, sono davanti alla Televisione.

Nella soluzione prevista come risposta esatta, “confezionata” da quegli Autori, si fa passare, invero, un messaggio all’ignaro telespettatore, arduo e che non presenta soluzioni alternative.

Ed il dubbio che, diversamente, si insinua tra i telespettatori più resistenti al “pensiero unico” è, se l’uomo, sia veramente la espressione massima e materiale del regno animale (Darwin) o, diversamente, la massima espressione della trascendentalità che conduce a Dio (la Bibbia).

Dubbio m’assale!

Diceva lo Scrittore e Filosofo Gesualdo Bufalino: …

… “ … il dubbio, è una passerella che trema fra l’errore e la

verità”.

E il dubbio che assale me, invece, è il seguente: …

… Come si sarebbero comportati gli Autori di quel programma, se il concorrente avesse risposto che il Regno dell’Uomo, è il Regno dei Cieli, essendo egli stesso ad immagine e somiglianza di Dio?

Ed ancora.

Nel qual caso, il Concorrente avrebbe raddoppiato e/o avrebbe perso tutto?

Penso che, “fargli” perdere tutto, sarebbe stato d’uopo!

Una lezione magistrale, che nessuno avrebbe mai dimenticato!

Beh, comunque, a torto e/o a ragione, è in ballo la Storia millenaria dell’uomo.

Ci stanno somministrando con ogni mezzo possibile, la cicuta dell’ateismo e del materialismo, giorno dopo giorno.

Riflettiamo gente, riflettiamo.

ROBERTO CHIAVARINI

Opinionista di Arte e Politica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui