6 gennaio , Festa della Befana e triste resoconto: Il Piano Vaccini non esiste .

Cronaca

di Eleonora Magnelli

Il Governo cambia misure contro il virus tutti i giorni ed e’ quasi impossibile capire cosa fare e cosa no. Le Regioni italiane cambiano colori ormai quotidianamente e gli italiani sono stanchi e depressi dall’incompetenza di chi governa. Arcuri ha scaricato tutto alle Regioni già’ incapaci di fare il resto pregresso. Il quadro del 6 gennaio, Festa della Befana , e triste resoconto di 11 mesi di Covid 19, dopo mesi di sacrificio , economia allo sfascio e vaccini ormai prodotti da ogni paese del continente , un piano di somministrazione tardivo porterà’ al rischio che non si sviluppi l’immunità’ di gregge entro l’estate 2021, e che rischierebbe di mutare il virus in forma più’ resistente. Attualmente la Pfizer e’ la sola azienda autorizzata al commercio del vaccino in Italia ed in Italia spettano il 13,46% corrispondente a 470mila dosi a settimana.Vaccino gratuito per tutti ma non obbligatorio per nessuno.A Febbraio si dovrebbe partire con persone oltre 80 anni , circa 4 milioni per poi passare alla fascia eta’ 60/80, insegnanti, forse dell’ordine, detenuti ed operatori trasporto pubblico. Successivamente il vaccino verra’ somministrato al resto della popolazione. Le Regioni da sole riusciranno ad autogestire la somministrazioni?