Bella notizia per il Bari: Minelli è il primo acquisto. Si tratta per Di Noia, Pandolfi e Cianci

Bella notizia per il Bari:  Minelli è il primo acquisto. Si tratta per Di Noia, Pandolfi e Cianci

Il mercato entra nel vivo. Il Bari è alla ricerca di punti cardinali funzionali al progetto Auteri e che possano dare quel valore aggiunto, qualitativo e tecnico, tanto ricercato ed atteso fino adesso dal momento che qualcuno, vuoi per infortuni, vuoi per delusione, non ha convinto più di tanto.

Il giocatore più gettonato, come è noto, è Giovanni Di Noia, di proprietà del Chievo, che sembra essere un pallino del DS Romairone in quanto lo ha avuto alle sue dipendenze in due società, tra l’altro Di Noia risponderebbe alle esigenze tattiche dell’allenatore in quanto può disimpegnarsi come esterno di sinistra e centrale di centrocampo, fungendo anche, all’occorrenza, come difensore. Dunque un giocatore duttile che il DS farà di tutto per portare a Bari. L’ex biancorosso ha accettato la proposta economica fatta dalla società barese in base ad un contratto triennale, tra l’altro ha giocato molto il fattore “casa”, nel senso che lui sarebbe entusiasta di tornare a Bari dal momento che è la sua città. Si tratta solo di perfezionare l’accordo col Chievo che è detentore del cartellino, un problema decisamente non difficile da superare anche perché il suo contratto scade a giugno 2021.

Un altro barese è nel mirino di Romairone, anche questo è già noto alla piazza: si tratta di Pietro Cianci attualmente tra le fila del Potenza, ma un eventuale acquisto prescinderebbe dalla cessione di Montalto che è richiesto da Pescara. Lo stresso dicasi di Luca Pandolfi in sella alla Turris (prossima avversaria del Bari), per il quale la società barese ha già sondato alacremente. Il giocatore, tuttavia, potrebbe essere acquistato dal Napoli per poi essere girato al Bari in prestito. Ma questa operazione potrebbe trovare la luce solo se Simeri dovesse lasciare Bari per sbarcare in altri lidi: lo attendono, infatti, a braccia aperte Perugia, Cosenza, Reggiana e Novara. Ma per disfarsene, il Bari attende una proposta economica congrua in quanto di svenderlo non se ne parla nemmeno.

Si dovrebbe lavorare anche per il reperimento di un laterale sinistro semmai Andreoni non dovesse smaltire la pubalgia che lo perseguita.

Intanto si può parlare già di un primo acquisto ufficiale: si tratta di Alessandro Minelli che, smaltito il problema legato al coronavirus, ha avuto l’idoneità per riprendere a giocare dopo gli accertamenti strumentali resisi necessari a causa di un problema cardiaco. Decisamente una gran bella notizia per il Bari e per i tifosi che lo hanno atteso trepidamente. Tra l’altro si tratterebbe di un centrale difensivo di assoluto affidamento, veloce, insomma uno di quelli che mancava nello scacchiere biancorosso tanto che si cominciava a parlare di un possibile nuovo innesto da reperire sul mercato, ma la soluzione, per fortuna, è stata trovata tra le mura amiche. Tuttavia sarà difficile che il giocatore possa essere pronto per la sfida alla Turris in quanto non ha le gambe ed il fiato necessari per giocare. La stessa cosa dicasi per Celiento alle prese con un problema muscolare. La sua presenza è in forte dubbio, mentre Citro sta smaltendo pian paiano lo stiramento. Sicuramente verrà recuperato Montalto che ha smaltito le due giornate di squalifica.

Si attendono, infine, gli esiti dei test sierologici di un altro giocatore il cui nominativo non è stato rilevato per la privacy, giocatore che ha accusato qualche linea di febbre alla ripresa degli allenamenti di Capodanno. Lo stesso è rimasto a casa in isolamento fiduciario nella propria abitazione. Per fortuna il giocatore non è venuto in contatto col resto della squadra, infatti i test sierologici per tutti son risultati negativi.

Massimo Longo

Massimo Longo

Massimo Longo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *