“Oggi domina la sfiducia, non è come nel dopoguerra”, dice Rino Formica

Politica regionale, nazionale e internazionale

L’ex ministro della Prima Repubblica non è molto ottimista sulla possibilità di una ‘reazione’ dell’Italia per uscire della crisi legata all’epidemia di Covid-19

© Vittorio La Verde / AGF – Rino Formica

La ripresa del Paese dopo l’epidemia di coronavirus non sarà semplice e questo perché “oggi domina la sfiducia tra i cittadini”. Nel dopoguerra si doveva ripartire da zero ma “allora a dominare era la fiducia, c’era uno slancio di volontà”. A parlare all’AGI è l’ex ministro socialista della Prima Repubblica, Rino Formica, 93 anni.

Il problema delle classi dirigenti

E’ anche impossibile, per l’ex ministro, paragonare l’Italia della seconda metà degli anni ’40 a quella di oggi: “E’ molto difficile fare delle comparazioni a distanza di 70 anni. Tra l’altro sono passati secoli in realtà: ci sono state innovazioni di carattere tecnologico, il cambio dei modelli di vita, l’innalzamento del livello di culturale generale. Nell’immediato dopoguerra eravamo un Paese ancora di bassissima cultura, dove metà della popolazione parlava il dialetto”. Secondo Formica, “la possibilità di ripartire dell’Italia, dipende dallo slancio che c’è nella parte che più ha subito e che è sofferente. E qui vedo una differenza con l’immediato dopoguerra: oggi domina l’elemento della sfiducia, allora dominava un elemento di fiducia. C’era uno slancio di volontà, oggi c’è una debolezza di questo slancio”.

Tra i principali nodi da sciogliere, per una ripartenza efficace, Formica individua “il problema della classi dirigenti“, che “è innanzitutto quello di essere autorevoli, di godere della fiducia del Paese”. E “oggi quello che manca è l’autorevolezza della classe dirigente. Ed è molto grave. In buona parte la classe dirigente che si era formata tra 1945 e 1948 era ignota al Paese, ma godeva della fiducia illimitata dell’intera società. C’erano contrasti politici e sociali, ma non c’era la sfiducia che c’è oggi sulle capacità delle classi dirigenti”. Questo, secondo l’ex ministro socialista, “è l’elemento più grave che abbiamo davanti e siccome le classi dirigenti incidono sulla vita delle istituzioni, oggi vedo una grave difficoltà delle istituzioni. Il 2021 sarà sicuramente un anno in cui emergeranno tutte le ragioni delle crisi istituzionali non risolte del nostro Paese: oggi tutti, governo, Parlamento ecc., fanno ciò che non è loro compito fare”.