La fede al tempo del Coronavirus

Lettere al Direttore

Poema in lingua dialettale.

Signore mio, ma che stai cumbinanno? Contagi, morti.. “Paura dint all’ossa d. E ognuno spera e se scampa’ sta fossa!
Ma comme? Tu si padre e fai stu poco? E quanto spazio tieni poi tu lloco? Pecche’ ce stai facenno suffri’ tanto? Io non ti riconosco francamente! Pare c’ accire o buono e o malamente. A gente sta mpazzenno dint’ e case e ‘a dinta a quarantena esce e trase.”
Figlio mio bello_ risponne ‘ o Pataterno_ te si sfucato?
E mo’ stamme a senti’. Spalanca o core e a mente e siente buono: Io nu manno castighi, io non uccido. Non voglio a morte, io bramo conversione. Stu male dilagante nunn’ è o mio… Io songo Dio! Io ca v’ aggio criat per Amore, ve distruggesse cu’ tant livore?
E tutto chesto nun t’arricorda niente? P’ogni figlio ca soffre, soffro anch’io, pecche’ so’ padre, madre e songo Dio, e tutti sti muorte nun e voglio.
‘Stu mumento è triste e doloroso passerà ambress e a vita tornarra’, ma ‘ngoppa a terra a vita da cagna’. Basta con l’egoismo e a prepotenza ; basta con l’arroganza e a strafottenza. Che ognuno impari bene la lezione, stu munno senza e me, è un calderone. Io faccio a parte mia, ma voi facit a vostra: non ci si può abbracciare, non ci si abbraccia, ma o bene nun si fa sulo cu e braccia. Spalanca core e abbraccia senza braccia. Cumme se fa’? : Guarda mio figlio in croce, cu e mano trapassate t’accarezza e appiso a chella croce, parla ma senza voce. ‘Oh bene nun si fa sulo cu e braccia. Spalanca o’ core e abbraccia senza braccia! ”

Nicoletta Montesano