Home Diritti & Lavoro Natale 2020

Natale 2020

Natale 2020

Galbani, in collaborazione con Caritas Italiana, al fianco di ristoratori e famiglie in difficoltà di Bari: 50 pranzi di Natale donati in città 

  • Bari insieme ad altre 9 città italiane è coinvolta nella campagna #TiriamociSù promossa da Galbani, in collaborazione con Caritas, per donare 000 pranzi di Natale il 25 dicembre. 30 i ristoratori delle diverse città che si occuperanno della preparazione dei pranzi;
  • Coinvolti nell’iniziativa anche tutti i 000 dipendenti del Gruppo Lactalis – di cui Galbani fa parte – che doneranno un’ora dello stipendio mentre l’azienda ne raddoppierà il valore donando la somma alle Caritas locali;
  • L’iniziativa rientra nella campagna #TiriamociSù, nata per assegnare al mascarpone Santa Lucia Galbani anche il record del tiramisù più lungo del web grazie al contributo dei suoi consumatori più fedeli.

Donare un pranzo di Natale speciale a chi è meno fortunato e allo stesso tempo sostenere le attività della ristorazione in difficoltà sono gli elementi alla base del progetto Galbani per il Natale 2020. Galbani è ancora una volta al fianco degli italiani e dei territori con l’iniziativa solidale #TiriamociSù per donare 2.000 pranzi di Natale in 10 città italiane (Torino, Milano, Genova, Parma, Firenze, Perugia, Caserta, Bari, Cosenza e Ragusa).

A Bari il 25 dicembre alcune famiglie bisognose delle zone Libertà e San Paolo riceveranno 50 speciali pranzi di Natale grazie al supporto di Caritas Italiana, e così facendo Galbani darà anche un concreto sostegno al settore della ristorazione, tra i più penalizzati dalle misure di contenimento adottate contro l’epidemia di Covid-19. A occuparsi della preparazione sarà il Panificio Morelli, chiudendo tutti i menù natalizi con un dolce speciale: un iconico tiramisù, che esprime al meglio lo spirito con cui Galbani lancia questa iniziativa.

Un progetto corale questo che, nato sui social network, è stato trasformato dall’azienda in una gara di solidarietà e vedrà il coinvolgimento degli utenti su Instagram. Sono stati infatti invitati a pubblicare sul sito Galbani e sui social la foto di una fetta di tiramisù fatto in casa, con l’obiettivo di raggiungere simbolicamente il tiramisù più lungo del web. Il tutto per far sì che l’iniziativa diventi veicolo di un messaggio forte di solidarietà e vicinanza nei confronti delle persone che oggi, più di prima, rischiano di rimanere indietro.

“Galbani è da sempre un’azienda attenta ai bisogni delle persone e dei territori in cui opera, e siamo particolarmente contenti di poter portare avanti questa iniziativa con l’appoggio di Caritas Italiana”, ha dichiarato Mauro Frantellizzi, Direttore Marketing di Galbani Cheese. “Il progetto #TiriamociSù coinvolge 10 città rappresentative dell’intera penisola perché Galbani è sempre al fianco degli italiani, a maggior ragione in occasione di quello che sarà un Natale molto particolare. Con il contributo dei nostri consumatori sui social per il tiramisù più lungo del web e con la collaborazione dei nostri 30 ristoratori sul territorio regaleremo un pranzo di Natale diverso dal solito a coloro che stanno vivendo una condizione di difficoltà lanciando anche un forte segnale di sostegno a quella che è una delle categorie più impattate dalle misure per il contenimento della pandemia. Speriamo con la nostra iniziativa di poter contribuire a rendere migliore anche il loro Natale”, ha concluso Frantellizzi. 

“Aver rivolto l’attenzione ai più colpiti dalla pandemia in corso contribuisce ad alimentare la speranza”, sottolinea don Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana, che aggiunge “Iniziative sinergiche come questa sono segni di solidarietà concreta, diffusa, che combatte l’indifferenza, nella consapevolezza che partecipiamo a un destino comune in cui nessuno deve essere lasciato indietro”.

Galbani vuol dire fiducia e ama dimostrarlo. A conferma di quanto l’azienda creda in questa iniziativa anche tutti i 5.000 dipendenti di Gruppo Lactalis in Italia – di cui Galbani fa parte – sono chiamati a fare la loro parte: doneranno un’ora del proprio stipendio al progetto, e Lactalis ne raddoppierà il corrispettivo in euro. La somma raccolta verrà poi donata alle Caritas locali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui