Infermiere di famiglia per i tanti ammalati cronici

Diritti & Lavoro

Un modello per politiche  regionali efficaci

Di Riccardo Guglielmi

Nel nostro opulento Occidente, nazioni o regioni che si vantano per l’emanazione d’iniziative, economiche e sociali nell’interesse dei cittadini, devono fornirsi di validi strumenti legislativi per rendere sanità, scuola, giustizia e ordine pubblico, efficienti, efficaci e di qualità; unico fine soddisfare le richieste di quanti chiedono un serio e giustificato aiuto.   La Sanità deve diventare il termometro della civiltà di un popolo, prima, però, è necessario ristabilire il patto fiduciario tra amministratori, operatori e comunità. Queste 3 categorie devono marciare insieme, integrarsi nelle problematiche, eliminando elementi di ostilità e diffidenza reciproca, nell’interesse esclusivo dell’utente.

Abbiamo ormai certezza che medici e infermieri, a costo di sacrifici personali, nonostante incerte direttive politiche, danno il meglio di se stessi e garantisco assistenza e cure di eccellenza con punte di umanizzazione in molte strutture. La vera mancanza e non per loro colpa, è la tanto sbandierata, ma mai attuata sul campo, Continuità Ospedale Territorio.  Coronavirus ha creato una pandemia da cui, più o meno presto saremo fuori, ma la vera epidemia del prossimo futuro è la cronicità e i postumi di patologie gravi che, se pur risolte nella fase acuta, determinano conseguenze e disagi per malati e familiari.  Tra queste merita attenzione e speranza di risoluzione l’assistenza domiciliare alle persone stomizzate, una situazione che nonostante l’assenza di censimenti ufficiali interessa oltre 75mila persone in Italia e oltre 2000 in Puglia. La stomia è il risultato di un intervento con il quale si crea un’apertura sulla parete addominale per mettere in comunicazione un viscere (apparato intestinale o urinario) con l’esterno. Essere stomizzati significa essere incontinenti 24 ore su 24 e vivere con sacche adesive per la raccolta delle feci e urine. Il bravo chirurgo estirpa il tumore, purtroppo, superata la fase ospedaliera post operatoria, condiziona la persona a convivere con una stomia. Sembra cosa semplice a dire, non a vivere, poiché notevoli e pesanti sono i disagi socio-sanitari da dover affrontare (igienici, fisici, sessuali e per la mobilità). Alla ripresa dell’attività lavorativa spesso cambio delle mansioni per i lavoratori più tutelati e fortunati, per molti la lettera di licenziamento.

Meritevole è l’associazione del volontariato AISTOM, ma quello che manca è una vera assistenza domiciliare continua e specifica per gli stomizzati. Gli operatori dell’ADI, assistenza domiciliare infermieristica, non hanno  competenze ed esperienze specifiche e numericamente non possono soddisfare le esigenze per un’assistenza sanitaria completa.

Ogni problematica esige una soluzione pratica e operativa. Nel caso degli stomizzati è necessario che i nostri amministratori creino ad hoc una nuova figura professionale, un infermiere formato anche per riabilitazione psicologica e assistenza protesica. Da formato a formatore di familiari, caregiver (badante) per la pratica dell’irrigazione e dell’igiene della stomia. Un infermiere che diventi un valido supporto per il medico di medicina generale per piccole medicazioni, rilascio di certificazioni mediche, garanzia di controlli programmati; utili competenze per l’avvio a consulenza legislativa. Un amministratore pubblico non può risolvere un problema di nicchia; deve saper sentire i bisogni, fare sintesi ed emanare gli strumenti legislativi per la risoluzione di problematiche complesse e di ampia diffusione. Se l’ammalato stomizzato rappresenta una problematica di nicchia, la cronicità è un problema economico, sociale di grande diffusione per l’allungamento della quantità di vita in e non per la qualità. Sono numeri in espansione, tanto da far considerare la cronicità, l’oggettiva epidemia dei paesi industrializzati. È una problematica che merita l’attenzione dei nostri amministratori pubblici.  Una soluzione può essere l’istituzione dell’Infermiere di famiglia una nuova figura professionale che supporti il medico di famiglia evitando l’afflusso e l’intasamento dei Pronto Soccorso. Esiste già la figura dell’infermiere specializzato, lo Stomaterapista, ma è necessario il suo impegno sul territorio con maggiori competenze per la realizzazione della Continuità Ospedale Territorio. Serve un operatore ben formato, capace di risolvere tante problematiche come quelle degli stomizzati o di quanti, in questa contingenza, sono in isolamento precauzione e stretto controllo per positività al Covid 19. Sarebbero di grande aiuto nella programmazione delle vaccinazioni, delle terapie infusionali e dei prelievi ematici da inviare agli ambulatori territoriali, controlli per terapie con anticoagulanti, diuretici o farmaci oncologici.   L’infermiere di famiglia potrebbe coadiuvare con le farmacie per garantire l’assistenza farmaceutica domiciliare per chi non ha un valido supporto familiare.  In Italia mancano numeri e registri certificati per tante patologie, quelle croniche in particolare; anche in questo caso, sarebbe prezioso l’aiuto al medico di medicina generale. Nell’analisi economica le prestazioni offerte dall’infermiere di famiglia dovrebbero essere gratuite per i meno abbienti, calmierate e favorite ragionevolmente con le compagnie assicurative, sperimentando, nella fase iniziale, la gestione in forma cooperativa certificata dal Sistema sanitario regionale.

La qualità e l’efficacia dell’assistenza sanitaria passa attraverso il potenziamento dei Sistemi sanitari regionali investendo in risorse umane, tecnologie, digitalizzazione e telemedicina, formazione e ricerca.  In Puglia Università e Scuole di Medicina laureano e abilitano medici, infermieri, tecnici che, non trovando opportunità lavorative, sono costretti a emigrare in altre regioni se non in altre nazioni dove sono apprezzati, remunerati adeguatamente e con carriere garantite dal merito. L’infermiere di famiglia diventa un valido tassello per la “Sanità da sogno” e servirebbe tanto quella tanto auspicata Continuità Ospedale Territorio.

Riccardo Guglielmi – Giornalista scientifico –

Redazione Corriere nazionale.net – Corriere Puglia e Lucania