370 mila euro per il progetto “I cammini della Murgia”

Il Comune ottiene il finanziamento per il rifacimento delle strade vicinali

370 mila euro ottenuti dal Comune di Gravina in Puglia, nell’ambito dell’’Avviso pubblico – Azione 1“I cammini della Murgia”, Intervento 1.1“Sostegno a investimenti per il miglioramento della viabilità comunale e vicinale su piccola scala” – messo a disposizione dei comuni dell’Alta Murgia dal gruppo di azione locale, Gal Murgia Più.

Il progetto al quale l’ente comunale ha aderito lo scorso Ottobre, su indicazione della giunta comunale presieduta dal sindaco Alesio Valente, è destinato agli interventi di adeguamento e ripristino della viabilità extra urbana, (dal quel restano escluse autostrade, strade statali e regionali) 20 chilometri di strade rurali, unitamente al rinverdimento di contrada San Mauro, segmento del “Cammino Materano”. Al centro dei lavori, la rete viaria delle strade Grottamarallo, Annunziatella, Lamacolma, Latorre, Pendino, Alvitino, Belmonte, Sant’Antonio, Pescara, San Girolamo. “Un risultato – commenta il primo cittadino – che porterà beneficio su più fronti. Innanzitutto verranno facilitati i collegamenti tra gli agri vicinali e la città stessa, con grande beneficio dei nostri agricoltori locali, così come puntualmente avviene con il miglioramento delle infrastrutture”.

Inoltre, prosegue Valente, “si andrà a sostenere quel comparto del turismo lento, che fa dell’ambito paesaggistico e naturalistico un punto di forza assai importante per la fruizione e valorizzazione del nostro territorio”. Con la misura, difatti, saranno anche finanziati i lavori di rinverdimento di circa un ettaro di terreno ricadente in contrada San Mauro. “Piante, aiuole e arbusti – conclude l’assessore delegato al verde pubblico e bosco, Felice Lafabiana – che andranno a rendere ancor più piacevole quella che è una tappa del Cammino Materano, uno dei tanti cammini legati alla nostra città, un’area che sarà messa a disposizione di turisti e cittadini che vogliano riscoprire le nostre bellezze paesaggistiche”.


Redazione

Redazione