Home Politica Nuovo dpcm. Ok a ristoranti a Natale, no a spostamenti tra regioni

Nuovo dpcm. Ok a ristoranti a Natale, no a spostamenti tra regioni

Per i ristoranti si intravede la possibilità di rimanere aperti sia per il pranzo di Natale sia per quello di Capodanno, anche per evitare assembramenti nelle case. Nei giorni diversi da quelli festivi la chiusura resta per le 18, ma rimane la vendita da asporto e la consegna a domicilio. Sono vietati cenoni e feste sia a Natale sia a Capodanno. Meglio ospitare solo parenti stretti , è il consiglio del governo che non fornisce indicazioni sul numero.

Saranno chiusi gli impianti e le piste da sci per tutto il periodo natalizio ma probabilmente gli alberghi di montagna potranno restare aperti. Esclusa, per loro, però, la possibilità di aprire i ristoranti. L’esecutivo ha deciso di imporre la quarantena a chi rientrerà dall’estero – soprattutto dai paesi con piste aperte come Svizzera e Slovenia – dopo il 20 dicembre, mentre per chi farà rientro prima dovrà solo effettuare il tampone.

La mobilità tra regioni sarà consentita solo per i residenti che dovranno rientrare nella propria abitazione. La misura sarà in vigore dal 20 dicembre e fino a dopo l’Epifania. Misura che riguarderà anche i comuni ma nelle giornate del 25, 26 dicembre e 1 gennaio. I parenti stretti forse potranno fare visita agli anziani che vivono da soli. vietato, invece, lo spostamento nelle seconde case nei giorni festivi anche tra comuni diversi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui