Coronavirus. Cnn. Documenti segreti rivelano che la Cina ha insabbiato le informazioni

Esteri

Il presidente cinese Xi Jinping

La Cina avrebbe nascosto i dati reali sulla diffusione del coronavirus fino almeno al febbraio scorso, mentre il suo sistema sanitario reagiva per alcuni aspetti in modo inefficace all’epidemia. E’ quanto rivela la Cnn basandosi sulle informazioni contenute in una serie di documenti interni destinati a rimanere segreti di cui l’emittente americana ha detto di essere venuta in possesso e che assicura di avere verificato.

Secondo quanto emerge dalle 117 pagine di documenti provenienti dal Centro per il controllo delle malattie della provincia di Hubei, dove il Covid cominciò a diffondersi alla fine del 2019, “le autorità cinesi fornirono al mondo dati più ottimistici rispetto a quelli di cui erano in possesso”.

Tra i casi citati vi sono i dati resi noti il 10 febbraio. Un gruppo di operatori sanitari in prima linea, probabilmente esausti, sta rannicchiato insieme in una video-conferenza mentre l’uomo più potente della Cina alza la mano in segno di saluto. È il 10 febbraio a Pechino e il presidente Xi Jinping, che per settimane è stato assente alla vista del pubblico, si rivolge al personale dell’ospedale nella città di Wuhan mentre si batte per contenere la diffusione di un nuovo coronavirus ancora ufficialmente senza nome.

Da una stanza sicura a circa 1.200 chilometri (745 miglia) dall’epicentro, Xi ha espresso le sue condoglianze a coloro che sono morti. Ha sollecitato una maggiore comunicazione pubblica, poiché in tutto il mondo sono aumentate le preoccupazioni sulla potenziale minaccia rappresentata dalla nuova malattia.

Lo stesso giorno, le autorità cinesi hanno segnalato 2.478 nuovi casi confermati, portando il numero totale globale a oltre 40.000, con meno di 400 casi al di fuori della Cina continentale. Eppure la CNN può ora rivelare come i documenti ufficiali circolati internamente dimostrano che questa era solo una parte del quadro.

In un rapporto contrassegnato come “documento interno, si prega di mantenere la riservatezza”, le autorità sanitarie locali nella provincia di Hubei, dove il virus è stato rilevato per la prima volta, elencano un totale di 5.918 casi recentemente rilevati il ​​10 febbraio, più del doppio del numero pubblico ufficiale di confermati. casi, suddividendo il totale in una varietà di sottocategorie.

Questa cifra più ampia non è mai stata completamente rivelata in quel momento, poiché il sistema contabile cinese sembrava, nel tumulto delle prime settimane della pandemia, minimizzare la gravità dell’epidemia.

La cifra precedentemente sconosciuta fa parte di una serie di rivelazioni contenute in 117 pagine di documenti trapelati dal Centro provinciale per il controllo e la prevenzione delle malattie dell’Hubei, condivisi e verificati dalla CNN.
Nel loro insieme, i documenti rappresentano la fuga più significativa dall’interno della Cina dall’inizio della pandemia e forniscono la prima finestra chiara su ciò che le autorità locali sapevano internamente e quando.

L’inchiesta, che la Cnn definisce la più importante fuga di notizie dalla Cina dall’apparire della malattia, viene pubblicata ad un anno dal giorno, il primo dicembre 2019, in cui il primo paziente conosciuto mostrò i sintomi del Covid-19 a Wuhan, secondo uno studio della rivista Lancet. Contemporaneamente scoppiava non solo a Wuhan, ma anche in altre città come Yichan e Xianning, un’epidemia influenzale con un numero di persone infette 20 volte superiore a quella registrata l’anno precedente. Sebbene non sia possibile stabilire se vi fosse una eventuale relazione tra le due malattie, le autorità cinesi non hanno fornito a tutt’oggi informazioni sulle dimensioni dell’epidemia influenzale, che comunque ha portato ad un ulteriore carico sulle strutture sanitarie proprio mentre dovevano far fronte allo scoppio dell’epidemia di Covid-19.

Il governo cinese ha fermamente respinto le accuse mosse dagli Stati Uniti e da altri governi occidentali di aver deliberatamente nascosto le informazioni relative al virus, sostenendo che è stato in anticipo dall’inizio dell’epidemia. Tuttavia, sebbene i documenti non forniscano prove di un deliberato tentativo di offuscare i risultati, rivelano numerose incongruenze in ciò che le autorità credevano stesse accadendo e in ciò che è stato rivelato al pubblico.

“Era chiaro che hanno commesso errori – e non solo errori che accadono quando si ha a che fare con un nuovo virus – anche errori burocratici e politicamente motivati ​​nel modo in cui lo hanno gestito”, ha affermato Yanzhong Huang, un senior fellow di Global salute al Council on Foreign Relations, che ha scritto molto sulla salute pubblica in Cina. “Questi hanno avuto conseguenze globali. Non si può mai garantire la trasparenza al 100%. Non si tratta solo di un insabbiamento intenzionale, si è anche vincolati dalla tecnologia e da altri problemi con un nuovo virus. Ma anche se fossero stati trasparenti al 100%, non avrebbe impedito all’amministrazione Trump di minimizzare la gravità della cosa. Probabilmente non avrebbe impedito che si trasformasse in una pandemia “.