“Indagine su favoreggiamento clandestini di origine tunisina”

Cronaca

“I dati forniti, questa mattina, dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese sull’aumento dei flussi migratori dall’inizio dell’anno con 32 mila arrivi, di cui oltre 12 mila tunisini, confermano che bisognerebbe aprire un’indagine per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, atteso che in Tunisia non c’è alcuna guerra”.

Lo dichiara, in una nota, il Questore della Camera e membro della commissione Affari esteri Edmondo Cirielli: “E’ vergognoso non sanzionare il Governo tunisino che consente e non blocca tale fenomeno, nonostante sia beneficiario di abbondanti finanziamenti italiani che continua a ricevere da anni.

Ma è il nostro Governo ad essere inadempiente con gli italiani e con l’Europa di Schengen, perché non difende le frontiere sovranazionali”. Poi Cirielli aggiunge: “Non dobbiamo stupirci, quindi, se Austria, Francia e Slovenia vogliono di chiudere le frontiere con la nostra Nazione. Per colpa delle politiche scellerate della maggioranza Pd-M5S, infatti, siamo indifesi al terrorismo, alla microcriminalità e anche al Covid-19, visto che un’alta percentuale di tunisini che arrivano in Italia risultano contagiati dal virus. Presenterò – conclude Cirielli – un’interrogazione parlamentare per sapere quali misure intende adottare in merito il ministro dell’Interno, oltre a portare il conto come un ragioniere dell’invasione incontrollata dei migranti, che il suo Governo continua a favorire mettendo in pericolo la sicurezza e la salute degli italiani”.