Al via campagna di esportazione delle mele verso Taiwan

Esteri

ROMA – Inizierà a breve la campagna di esportazione delle mele italiane verso Taiwan. A darne notizia la Ministra delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Teresa Bellanova, che in una nota pubblicata sul sito del Ministero ha spiegato come questo risultato sia “importante, per niente scontato dal momento che gli ispettori fitosanitari taiwanesi non hanno potuto recarsi in Italia per la prevista visita annuale propedeutica all’avvio della campagna di esportazione, esito della proficua collaborazione tra le Autorità italiane e taiwanesi, nonché dell’efficace operatività delle strutture periferiche regionali ed i vari produttori”.
Inoltre, questo accordo “consentirà alle aziende italiane di posizionarsi su un mercato altamente importante, nonostante gli scenari sempre più preoccupanti che la pandemia sta causando nel corso di questo 2020”, ha aggiunto la rappresentate del Governo italiano.
Le Autorità taiwanesi, infatti, hanno autorizzato l’esportazione verso il loro Paese sulla base delle ispezioni effettuate dal Servizio Fitosanitario Nazionale presso i frutteti e gli stabilimenti di lavorazione per verificare la sussistenza dei requisiti fitosanitari del protocollo definito nell’ambito del Memorandum d’intesa siglato a maggio 2020.
Considerate le grandi difficoltà che la pandemia COVID-19 sta causando, le Autorità taiwanesi hanno infatti demandato al Servizio Fitosanitario Nazionale il compito di effettuare le ispezioni alle aziende, previste per la verifica dei requisiti. I Servizi Fitosanitari Regionali di Piemonte, Emilia-Romagna, Trentino Alto-Adige e Veneto, sulla base delle puntuali indicazioni operative fornite dalle Autorità taiwanesi, hanno provveduto in tempi estremamente rapidi ad effettuare le ispezioni, i cui esiti sono stati successivamente trasmessi alla parte taiwanese dal Servizio Fitosanitario Centrale. (aise)ROMA\ aise\ – Inizierà a breve la campagna di esportazione delle mele italiane verso Taiwan. A darne notizia la Ministra delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Teresa Bellanova, che in una nota pubblicata sul sito del Ministero ha spiegato come questo risultato sia “importante, per niente scontato dal momento che gli ispettori fitosanitari taiwanesi non hanno potuto recarsi in Italia per la prevista visita annuale propedeutica all’avvio della campagna di esportazione, esito della proficua collaborazione tra le Autorità italiane e taiwanesi, nonché dell’efficace operatività delle strutture periferiche regionali ed i vari produttori”.
Inoltre, questo accordo “consentirà alle aziende italiane di posizionarsi su un mercato altamente importante, nonostante gli scenari sempre più preoccupanti che la pandemia sta causando nel corso di questo 2020”, ha aggiunto la rappresentate del Governo italiano.
Le Autorità taiwanesi, infatti, hanno autorizzato l’esportazione verso il loro Paese sulla base delle ispezioni effettuate dal Servizio Fitosanitario Nazionale presso i frutteti e gli stabilimenti di lavorazione per verificare la sussistenza dei requisiti fitosanitari del protocollo definito nell’ambito del Memorandum d’intesa siglato a maggio 2020.
Considerate le grandi difficoltà che la pandemia COVID-19 sta causando, le Autorità taiwanesi hanno infatti demandato al Servizio Fitosanitario Nazionale il compito di effettuare le ispezioni alle aziende, previste per la verifica dei requisiti. I Servizi Fitosanitari Regionali di Piemonte, Emilia-Romagna, Trentino Alto-Adige e Veneto, sulla base delle puntuali indicazioni operative fornite dalle Autorità taiwanesi, hanno provveduto in tempi estremamente rapidi ad effettuare le ispezioni, i cui esiti sono stati successivamente trasmessi alla parte taiwanese dal Servizio Fitosanitario Centrale.