Elicotteri, telecamere e megafono: stato di polizia e sorveglianza di massa. Italia-covid 2020

Cronaca

Giuliano Castellino

ELICOTTERI, TELECAMERE E MEGAFONO: STATO DI POLIZIA E SORVEGLIANZA DI MASSA.

“Elicotteri, telecamere e megafoni: sorveglianza di massa contro gli assembramenti del week end.

A Roma i velivoli sorvoleranno il centro storico, mentre telecamere e megafoni terranno d’occhio le vie dello shopping.

A Ostia, anche la Guardia Costiera.

Così la Capitale d’Italia si blinda per questo fine settimana”.

Telecamere, elicotteri, forze dell’ordine armate di megafono per impedire assembramenti in centro e in particolare nelle vie dello shopping.

Sorvegliato speciale anche il lungomare di Ostia, dove a monitorare gli arenili ci sarà addirittura la Guardia costiera.

Il prossimo fine settimana entreranno in vigore le misure decise dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza presieduto dal prefetto di Roma Matteo Piantedosi che si è riunito dopo le immagini e le segnalazioni dello scorso fine settimana, quando centinaia di persone si sono riversate nelle strade del centro per fare acquisti e sul lungomare.

Per evitare gli assembramenti, dalle 10 del mattino fino alle 20 di sabato e domenica prossimi chiudono anche le fermate della metro A in piazza di Spagna e in piazzale Flaminio.

I romani che raggiungeranno comunque il centro dovranno poi fare i conti con gli accessi contingentati: nelle principali vie dello shopping come via del Corso, la zona del Tridente e le strade attorno a via Ottaviano e Cola di Rienzo non sarà infatti possibile passeggiare una volta raggiunto il “livello di saturazione”.

In questo caso i romani saranno allontanati e potranno proseguire solo lungo le strade limitrofe dove il numero di persone è basso.

Non solo: in caso di eccessiva concentrazione delle persone sulle principali vie dello shopping della Capitale le forze dell’ordine ricorderanno i divieti previsti dal Dpcm e tramite megafoni inviteranno a rispettare il distanziamento.

Dalle auto della polizia locale verranno diffusi messaggi pre registrati per ricordare le misure anti Covid, come la mascherina, la distanza di sicurezza, il lavaggio frequente delle mani.

Un centro blindato e presidiato a cui va aggiunto il lavoro di monitoraggio all’alto: un elicottero e le telecamere della sala operativa della questura osserveranno il formarsi di assembramenti per poi segnalarli alle forze dell’ordine a terra.

Sotto la lente della prefettura non potevano poi non finire i principali parchi della Capitale e il litorale di Ostia: all’interno di villa Borghese, Villa Ada e Villa Pamphilij arrivano le pattuglie “a spostamento rapido” cioè a cavallo, in moto o in bici mentre gli arenili del lungomare di Ostia e il litorale capitolino saranno presidiati dalla Guardia costiera, che interverrà in caso di assembramenti.

Non è un film, né un romanzo di Orwell. Nemmeno V per vendetta.

È l’Italia 2020, ormai sotto dittatura sanitaria, sotto Stato di Polizia, schiavizzata e affamata.

Dove le libertà sono state calpestate, stuprate e cancellate.

Tutto quello previsto da 9 mesi a questa parte si sta realizzando: con la fandonia della pandemia l’oppressore sanitario-globalista sta stringendo collare e catene.

litaliamensile.it/blog