Associazioni in campo per sostenere famiglie e imprese alle prese con la crisi economica

Economia & Finanza

di Luigi Benigno

La recrudescenza della pandemia ha indotto il governo centrale ed i governatori locali ad adottare provvedimenti che, ancora una volta, limitano diritti fondamentali garantiti dalla carta costituzionale, ritenuto unico rimedio per rallentare la diffusione del virus.

Con il dpcm del 24 ottobre scorso è stata imposta la chiusura di palestre, sale giochi, sale bingo etc, è stata imposta la chiusura alle 18,00 di ristoranti, bar e pasticcerie.

Si tratta di un comparto quest’ultimo che offre lavoro a decine di migliaia di famiglie, oltre all’indotto.

La chiusura alle 18,00 finirà per più che dimezzare gli incassi giornalieri; è noto che molte persone preferiscono un pranzo frugale per poi ristorarsi la sera, quindi gli incassi della ristorazione si concentrano per almeno il 70% la sera.

Nessuno si attendeva una nuova serrata, sebbene parziale, ma di fatto le casse registreranno un déficit che difficilmente potrà essere colmato con i ristori del governo.

La crisi morde senza soluzione di continuità ed è prevedibile che l’emergenza sanitaria continui almeno per tutto il 2021. Molte famiglie e molte imprese non reggeranno ad un urto così prolungato e saranno costrette a dichiarare forfait.

A rischio migliaia di famiglie e le loro case; prestiti e mutui non potranno essere rimborsati e le banche, attraverso i cessionari dei crediti, oppure agendo quali procuratori, avvieranno l’esecuzione coattiva sui beni dei debitori, soprattutto sulla casa e sullo stipendio.

Dal fronte delle imprese si continua a registrare un forte decremento della domanda di beni e servizi, pur non essendo stato disposto il blockdown; i cittadini restano a casa.

L’associazione Centro Tutele Consumatori e Imprese, attraverso i numerosi soci professionisti, offre gratuitamente consulenza per suggerire possibili vie d’uscita per resettare i debiti e poter fruire di una seconda possibilità.

Ci sono referenti dell’associazione in tutta Italia.

Per info e contatti

www.difesaconsumatorieimprese.it